Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La 5/a International Junior Cup di Budapest si apre con un filotto di finali a otto per gli azzurrini della categoria Age Grup III. Achille Andrea Montrasio, talento della Pro Lissone, si piazza al quinto posto nell’All around, con il totale di 70.200, alle spalle dell’ucraino Ivan Sevruk, oro a quota 75.150, dell’ungherese Zavory Szilard, secondo con 73.700, e dell’accoppiata turca composta, nell’ordine, da Volkan Arda Hermeret (70.600) e Altan Dogan (70.450). Nono l’altro italiano in gara, Francesco Grillo, con il personale sui sei attrezzi di 65 punti. I due ragazzi seguiti da Claudio Pasquali e Antonello Compagnoni hanno fatto poi incetta di final eight. Montrasio, malgrado il leggero infortunio nella palestra del warm up, è riuscito a qualificarsi al corpo libero (7/o), cavallo con maniglie (2/o), anelli (2/o) e parallele (8/o). Il compagno della Ginnastica Victoria invece, nonostante gli errori a cavallo e anelli, ha strappato l’ammissione al corpo libero (8/o), sulla rincorsa dei 25 metri (4/o), sugli staggi pari (3/o) e alla sbarra (8/o). Presto vedremo sulle pedane della Gymnastics Hall, sulle rive del Danubio, Alessio Palozzi (G. Romana), Niccolò Vannucchi (Gimnastics Romagna Team) e Tiziano Perni (G. Civitavecchia).