Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Prenderà il via, dopodomani, l’avventura della missione CONI per l’European Youth Olympic Festival 2017, in programma a Gyor, in Ungheria, dal 22 al 30 luglio. Per la ginnastica artistica femminile vedremo in azione all’Olympic Sport Park le gemelle D’Amato, Alice ed Asia, ed Elisa Iorio, accompagnate dal tecnico Marco Campodonico; per la maschile Lay Giannini, Nicolò Mozzato e Fabrizio Valle, seguiti a loro volta dal tecnico Gianmatteo Centazzo. Faranno parte della delegazione FGI guidata dal capogruppo Enrico Casella, anche gli ufficiali di gara Flavio Mandich e Veronica Scarlini. “Nella gara a squadra rischieremo qualcosina cercando di puntare come sempre al massimo risultato – ha dichiarato il DTN dell’Italdonne - L’incognita maggiore è rappresentata dalla Russia, mentre le altre Nazionali le abbiamo già affrontate e battute. Quindi proveremo a vincere la medaglia d’oro. Nel concorso generale individuale Asia ed Elisa ambiscono entrambe ad un posto sul podio e mentre nelle finali per attrezzo l’obiettivo è il gradino più alto, rispettivamente, del volteggio e delle parallele asimmetriche, sempre se riusciranno a far vedere ciò che sanno fare. Tutto il resto sarà un di più. Non so, infatti, se alla fine riusciremo a realizzare quello che abbiamo in mente ma l’importante è avere le idee chiare. Le ragazze sono convinte e consapevoli di quanto fatto fino ad oggi, il gruppo è determinato. Al nostro arco mancano due frecce, Giorgia Villa e Sydney Saturnino, bloccate da infortuni, mentre Martina Basile è stata in ballottaggio fino all’ultimo ed ha svolto in pieno il suo ruolo. Sono molto soddisfatto per l’impegno che ci ha messo. Quella italiana è una nazionale coesa e compatta, pronta ad affrontare gli EYOF e a tenere alto il blasone internazionale acquisito sul campo anche a livello giovanile”. Anche il team azzurro degli uomini è chiamato ad una prova di maturità molto importante. Il trio selezionato dal DTN Giuseppe Cocciaro ha già fatto vedere il proprio valore a Linz, in occasione dell’Austrian Open del marzo scorso e adesso ha l’opportunità di affrontare la piccola olimpiade continentale, sognando un giorno di partecipare a quella dei grandi!