Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Davanti a 6.000 spettatori l’Italia dell’Artistica rosa chiude in seconda posizione la Mediterraneo Gym Cup con il punteggio di 230.500. Il trofeo Klimenko, intitolato all’indimenticabile Misha, va alla Romania, trascinata da una grande Izbasa. Le ragazze di Forminte totalizzano 235.900 punti e salutano il pubblico del Palalottomatica dal gradino più alto del podio di squadra. Terzo il Brasile con 230.250. Davanti ai figli di Mikhail Klimenko, Andrei e Marina, al Presidente FGI Riccardo Agabio (accompagnato dal Segretario Generale Michele Maffei e dal Consigliere federale Walter Muzzi) al campione olimpico Igor Cassina e a Irene Pivetti, nota appassionata di ginnastica, la Ferrari si è aggiudicata il concorso generale con 59.700 punti, davanti a Sandra Izbasa (59.550) e Jade Barbosa (58.550). Vanessa ha completato il miglior esercizio di giornata alle parallele asimmetriche (15.500) e una buona prova alla trave (15.350), dimostrando di essere quasi a punto negli attrezzi dove ha potuto allenarsi regolarmente e ancora un po’ in ritardo in quelli dove soffriva di più l’infiammazione al tendine d’Achille. Grande festa per Carlotta Giovannini, che proprio oggi compie 18 anni, e per Federica Macrì, al rientro dopo il grave infortunio di gennaio. La campionessa italiana Lia Parolari è stata la migliore delle azzurre, naturalmente dopo Vany, sesta con 57.850. Subito dopo Carlotta (7^ con 57.400), che con un 15.100 al volteggio ha pareggiato i conti con la Barbosa ma ha preso un decimo e mezzo dalla bielorussia Marachkouskaya. La romana Lorena Coza ha chiuso al 17° posto con 42.800. la rumena Izbasa, alla fine, risulta essere la migliore alla trave con 16.200 e al corpo libero con 15.300. Le giuliane Bradaschia (55.750) e Benolli (53.950) finiscono rispettivamente in 11ª e 13ª piazza, seguite dalla Bergamelli (53.400), che ha preso un brutto colpo cadendo male dagli staggi (ma niente paura, Mony è indistruttibile), e dalla Macrì (51.100). Silvia Zanolo non ha preso parte alla gara per un problema all’adduttore accusato ieri in allenamento. Una sintesi della competizione di oggi sarà trasmessa in differita domani su Rai Sport Più a partire dalle 21.30, con il commento di Andrea Fusco e Carmine Luppino.

Link

http://www.federginnastica.it/immagini/archivio/articoli/foto_articolo_3802.pdf,http://www.federginnastica.it/immagini/archivio/articoli/foto_articolo_3801.pdf