Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Le prime prove podio, al PalaVesuvio di via Argine, hanno aperto ufficialmente la XXX Universiade estiva anche per la Ginnastica Ritmica. Cerchi, palle, clavette e nastri toccano la pedana nuova di zecca, dopo il cambio della guardia al palazzetto del quartiere Ponticelli, dove in questi giorni si è disputata la competizione di Artistica maschile e femminile. Le 32 ginnaste individualiste prendono confidenza con il campo gara così come le 8 squadre impegnate nei Giochi Universitari. Si sente già a casa, invece, l'azzurra Alessia Russo, sbarcata questa mattina a Napoli e decisa a difendere il nome della Federazione Ginnastica d'Italia nella rassegna multidisciplinare nostrana. La stella dell'Armonia d'Abruzzo, terza miglior ginnasta agli Assoluti 2019, è alla sua prima Universiade e non nasconde l'emozione di confrontarsi con atlete provenienti da tutto il mondo: “Sono appena arrivata a Napoli – ha raccontato alla Federginnastica – abbiamo fatto allenamento e la prova pedana. Domani si replica e sono prontissima per questa gara. Sono emozionata, è un'esperienza bellissima già arrivare fin qui, vedere tutte le nazioni in gara e tanti sport diversi”. Alessia è iscritta all'Università di Chieti e frequenta il corso di laurea in lingue e letterature. La passione per la ginnastica, però, parla un solo idioma in tutto il mondo.