Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Nell’Audi Arena di Gyor è tutto pronto. Il debutto del Campionato del Mondo di ginnastica Artistica dedicato alla categoria junior, rassegna che vedrà in lizza anche due squadre azzurre, è ai blocchi di partenza. Domani mattina alle 9,00 precise nel palazzetto ungherese le prime sfilate e i primi esercizi segneranno di fatto il battesimo della neonata manifestazione organizzata dalla Federazione Internazionale della Ginnastica. In palio i titoli iridati dell’all around, della gara per nazioni e delle singole specialità. Saranno 63 le nazioni in gara che si giocheranno ben 42 medaglie. Entrambe le squadre azzurre hanno svolto positivamente la prova podio, servita soprattutto nella maschile per decidere il terzetto che domani sera difenderà i colori azzurri. Lorenzo Bonicelli (Ghislanzoni Gal), Ivan Brunello (Ares) e Lorenzo Casali (Giovanile Ancona) saranno i tre titolari per l’Italbaby maschile, che avrà in panchina nel ruolo di riserva il brianzolo Mirko Galimberti (Pro Lissone Ginnastica).
Forzata invece la scelta che i tecnici della sezione femminile hanno dovuto operare, in quanto nell’allenamento pomeridiano di lunedì, la brixiana Veronica Mandriota si è infortunata ad una caviglia ed ha dovuto dare forfait. A vestire il body della nazionale Juniores saranno così Camilla Campagnaro (Audace), Micol Minotti (Centro Sport Bollate) e Chiara Vincenzi (Inside Wellness Gym). Questa sera con inizio alle ore 19 gli azzurrini scenderanno in pedana con il chiaro intento di dimostrare tutto il loro valore, ampiamente apprezzato da molti degli addetti al lavori presenti durante la prova podio dell’altra sera. Domani pomeriggio toccherà invece alle ragazze, che senza Veronica Mandriota perdono qualche decimo sui valori di partenza, ma che si presentano comunque come rappresentativa da tenere nella massima considerazione.