Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La Ritmica italiana non si ferma più. Piovono medaglie ai mondiali di Sofia, come non è mai accaduto nei quasi 150 anni di storia della FGI. Dopo il bronzo di Alexandra Agiurgiuculese alla palla, la ginnasta dell’ASU di Udine in procinto di entrare nel gruppo sportivo dell’Aeronautica Militare e le altre due individualiste azzurre, Milena Baldassarri (Faber Ginnastica Fabriano) e Alessia Russo (Armonia D’Abruzzo Chieti) sono riuscite a scavalcare Israele, salendo sul gradino più basso del podio del Concorso per Nazioni. Grazie ai punteggi odierni nelle qualifiche con le clavette – il 18.550 della marchigiana allenata da Julieta Cantaluppi (arrivato dopo un ricorso accolto dalla giuria bulgara) e il 17.950 di Alex – l’Italia è salita a quota 147.550, staccando di appena tre decimi e mezzo lo squadrone israeliano composto da Linoy Ashram, Nicol Zelikman e Yuliana Telegina. Al comando della Team Competition troviamo la Russia con il punteggio “monster” di 161.325. Piazza d’onore per le padrone di casa della Bulgaria con 150.975. Il secondo bronzo conquistato dalla Sezione guidata da Emanuela Maccarani, oltre a confermare la qualità delle nostre interpreti, acquista un significato globale, in quanto la scuola italiana, già riconosciuta e riconoscibile nell’Insieme, adesso ha una forza e una fisionomia anche con le individualiste. Intanto questa sera, dalle 18.00 italiane, andranno in scena le final eight delle utlime due specialità, con la Baldassarri 6ª in qualifica sia a clavette sia al nastro, dove precede di un posto l’Agiurgiuculese. Con quattro finali su quattro la Federginnastica migliora il già storico risultato di Pesaro 2018, quando le nostre due meravigliose interpreti centrano tre qualificazioni, mancando quella al cerchio. Nell’All Around di ammissione, che tiene in considerazione i migliori tre punteggi, Milena è sempre sul sesto gradino con il totale di 56.600, alle spalle, nell’ordine, di Dina Averina, Aleksandra Soldatova, Arina Averina, Vlada Nikolchenko e Katrin Taseva. Domani nel pomeriggio la sfida a 24 per decretare la regina iridata. Tutto in diretta e in esclusiva su Volare TV, con la telecronaca di David Ciaralli e il commento tecnico di Marta Pagnini.