Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si è conclusa anche la seconda giornata di gare individuali al Campionato del Mondo di Ginnastica Ritmica, in corso di svolgimento a Kitakyushu, in Giappone. Dopo le finali di ieri a cerchio e palla, le individualiste azzurre centrano l’obiettivo anche a clavette e nastro.

Milena Baldassarri si ferma al sesto posto con un 26 netto. La ravennate, con l’esercizio alle clavette montato sulle note di “Bury a friend” di Billie Eilish, si piazza dietro alla bielorussa, Alina Harnasko per un solo decimo. Oro e argento se li aggiudicano le gemelle Dina (pt. 27.100) e Arina Averina (pt. 26.750). Il bronzo di giornata va ad Anastasiia Salos (BLR – pt. 26.400). Ai piedi del podio giapponese la bulgara Boryana Kaleyn, a quota 26.200. “Sono contenta della tenuta di gara. Si può sempre migliorare ma l’importante era non sbagliare e dare il massimo per il risultato nel team ranking. Sabato torno in gara quindi resettiamo tutto e puntiamo in alto.”

Alexandra Agiurgiuculese, entrata in finale al nastro con l’ultimo punteggio valido, migliora la sua prestazione e si piazza anche lei in sesta posizione con 21.500 punti, tra la bulgara Tatyana Volozhanina (pt. 21.900) e la slovena Ekaterina Vedeneeva (pt. 21.450). L’aviere dell’Aeronautica Militare commette un piccolo errore durante la sua routine accompagnata dalle note di “You are the one that i want” di Olivia Newton-John impedendole di scalare maggiormente la classifica, che ha visto balzare in testa la bielorussa Alina Harnasko, la nuova campionessa del mondo di specialità con 23.950, superando le gemelle Averina, Dina (pt. 23.900) e Arina (pt.23.450), rispettivamente argento e bronzo. Quarta l’ucraina Khrystyna Pohranychna (pt. 21.950). “Oggi è andata meglio. In qualifica e in finale ho fatto lo stesso identico esercizio. Ho dato il massimo per il team quindi incrociamo le dita e tifiamo domani per le nostre Farfalle. Appena torno in palestra mi metterò sotto per sistemare i miei esercizi e renderli ancora più competitivi”.

Abbiamo raggiunto la responsabile nazionale delle individualiste, Elena Aliprandi, per un bilancio al termine delle qualifiche individuali."È stata una gara per nulla facile. Sofia era al suo esordio mondiale, Milena poteva sentire sulle sue spalle la responsabilità di essere la più stabile del gruppo e Alexandra che doveva tornare in campo internazionale per dimostrare il suo valore. La classifica del team ranking per ora ci vede terze dietro a Russia e Ucraina, quindi non possiamo far altro che incrociare le dita e tifare per le nostre splendide Farfalle dato che è il primo anno che si sommano i punteggi sia della squadra sia delle individualiste. Siamo tutti molto soddisfatti anche per l’accesso di Milena e Sofia nell’All around. Da sabato si azzera tutto e si riparte. L’Italia individuale è sempre più protagonista della scena internazionale.

Vedremo nuovamente gareggiare Milena Baldassarri e Sofia Raffaeli - vincitrice ieri del bronzo mondiale al cerchio – sabato nel concorso generale iridato. Con i loro punteggi si sono ritagliate la quinta e la dodicesima posizione sulle diciotto necessarie per accedere alla finale All-Around.

Domani si cambia registro e dalle individualiste si passa ai Gruppi. Le nostre Farfalle sono impazienti di entrare in pedana e gareggiare contro le migliori squadre al Mondo. I loro punteggi alle 5 palle e ai 3 cerchi e 4 clavette, sommati con gli otto individuali delle qualifiche, decreteranno il risultato del team ranking. Al Mondiale di Sofia del 2018 l’Italia salì sul terzo gradino del podio grazie ai risultati di Milena Baldassarri, Alexandra Agiurgiuculese e Alessia Russo.