Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Riflettori sulla cerimonia di apertura, in programma alle 13 italiane di oggi, venerdì 23 luglio. L’abbiamo attesa per un anno e finalmente è arrivata. La squadra azzurra sarà la 18esima a sfilare. Ad assistere allo show circa 950 persone. Fra queste il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, e la first lady degli Stati Uniti, Jill Biden. Per l’Italia, in rappresentanza del Governo e del Capo dello Stato parteciperà il Sottosegretario con delega allo sport Valentina Vezzali. Ad aprire i Giochi sarà il 126esimo imperatore del Giappone, Naruhito. Il suo sara' un discorso "sottotono". A causa del Covid-19 e delle polemiche scoppiate in Giappone negli ultimi giorni, l'Imperatore non dovrebbe pronunciare parole "fastose", come il termine celebrare. Lo stesso Naruhito, nell'incontrare il numero uno del Cio, Thomas Bach, ha ammesso che organizzare i Giochi, con la pandemia in atto e con le conseguenti restrizioni, non è affatto semplice. In più l'Imperatore ha detto al massimo dirigente del Comitato Olimpico Internazionale di "apprezzare gli sforzi fatti", esprimendo il proprio "profondo rispetto". Intanto il presidente di Tokyo2020 Seiko Hashimoto ha ufficializzato in conferenza stampa il licenziamento del direttore artistico della cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo, Kentaro Kobayashi, per una battuta sull'Olocausto che risale a diversi anni fa. Le indicazioni per l’Italia Team sono nella bacheca della palazzina 16. Ritrovo alle 17.10, briefing con gli atleti sulla modalità di sfilata alle 17.15, partenza pullman alle 17.58, alle 20.30 si entra nello stadio olimpico, dietro i due portabandiera, Jessica Rossi (Tiro a volo) ed Elia Viviani (Ciclismo), nella foto al Quirinale prima della partenza (Ferraro/Coni). La prima coppia della storia. Ricordiamo che il capostipite di tuti gli alfieri fu il ginnasta Alberto Braglia ai Giochi del 1912, la prima donna Miranda Cicognani nel 1952, e poi l’artistica vanta un terzo rappresentante, Jury Chechi ad Atene nel 2004. La fine della cerimonia e il rientro al Villaggio sono previsti per le 23.30. Per fortuna il giorno seguente Marco Lodadio e Ludovico Edalli gareggeranno nell’ultima suddivisione, quindi potranno far tardi, questa sera, senza preoccupazioni. “Cercheremo di farci largo durante la sfilata – ha promesso Martina Maggio - Noi siamo piccine e riusciamo ad intrufolarci bene. Non vogliamo restare indietro, proveremo a farci vedere anche in tv per far felici quelli che ci seguono da casa. Mi ricordo di quando vidi la cerimonia di Rio e Janeiro in televisione, cercando di riconoscere le mie amiche. Sognavo un giorno di essere al posto loro”. Anche Alice D’Amato non vede l’ora di vivere questa esperienza: “Io ci speravo fin da Londra. Avevo nove anni e ne rimasi subito affascinata”. Gli atleti delle diverse discipline sfileranno indossando un capo speciale firmato EA7 Emporio Armani. Il completo – in poliestere tricot shiny riciclato, composta da Track Top a fondo aperto chiuso sul davanti, manica raglan, collo rialzato con forma a cratere con zip laterale nascosta - è stato realizzato nel colore bianco, in omaggio al paese ospite e come segno della purezza dello sport. La grafica rappresenta il perfetto connubio tra il tricolore nazionale e il Sol Levante giapponese, simboli di due mondi lontani accomunati dagli stessi valori. All'interno della giacca è riportato l'intro dell'Inno nazionale. "Dopo le grandi soddisfazioni che i nostri atleti ci hanno recentemente regalato, seguirò le Olimpiadi con grande interesse e orgoglio. Sono molto felice di questa rinnovata collaborazione che conferma il mio forte legame con lo sport", ha dichiarato Giorgio Armani, che ha già vestito gli atleti alle Olimpiadi estive di Londra 2012 e Rio 2016 e quelle invernali di Sochi 2014 e Pyeongchang 2018. In una notizia dell’ultim’ora la Turchia ha annunciato di dover cambiare il portabandiera. Eda Erdem Dundar, capitana della nazionale di volley, è infatti finita in isolamento "morbido" per essere entrata in contatto con una persona positiva al Covid durante il volo che l'ha portata in Giappone. Lo riferisce il quotidiano turco Cumhuriyet, spiegando che la giocatrice aveva raggiunto Tokyo con un giorno di anticipo rispetto al resto della nazionale. Oltre a Eda Erdem Dundar, altri 7 atleti turchi presenti sul volo non potranno presenziare alla cerimonia di apertura. Queste purtroppo sono le olimpiadi al tempo del Coronavirus!

Questo l'elenco degli alfieri azzurri ai Giochi Olimpici Estivi:
1912 Alberto Braglia (Ginnastica)
1920 Nedo Nadi (Scherma)
1924 Ugo Frigerio (Atletica)
1928 Carlo Galimberti (Sollevamento Pesi)
1932 Ugo Frigerio (Atletica)
1936 Giulio Gaudini (Scherma)
1948 Giovanni Rocca (Atletica)
1952 Miranda Cicognani (Ginnastica)
1956 Edoardo Mangiarotti (Scherma)
1960 Edoardo Mangiarotti (Scherma)
1964 Giuseppe Delfino (Scherma)
1968 Raimondo D'Inzeo (Sport Equestri)
1972 Abdon Pamich (Atletica)
1976 Klaus Dibiasi (Tuffi)
1984 Sara Simeoni (Atletica)
1988 Pietro Mennea (Atletica)
1992 Giuseppe Abbagnale (Canottaggio)
1996 Giovanna Trillini (Scherma)
2000 Carlton Myers (Pallacanestro)
2004 Jury Chechi (Ginnastica)
2008 Antonio Rossi (Canoa)
2012 Valentina Vezzali (Scherma)
2016 Federica Pellegrini (Nuoto)
2020 Jessica Rossi (Tiro a volo) - Elia Viviani (Ciclismo)