Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

I campionati d’Europa 2024 di Ginnastica Artistica, maschile e femminile, qualificanti per i Giochi Olimpici di Parigi si disputeranno a Napoli.

Il Comitato Esecutivo dell’European Gymnastics, riunitosi oggi in video conferenza, dopo l’illustrazione della candidatura da parte del delegato italiano Cristina Casentini, presidente del comitato tecnico continentale di Aerobica e referente internazionale FGI, ha assegnato la 35ª edizione della rassegna europea dei grandi attrezzi alla Federazione Ginnastica d’Italia.

Dopo Roma 1981 e la terza competizione individuale di Milano 2009, gli Europei di Artistica tornano nel nostro Paese, in particolare al PalaVesuvio di Ponticelli, già sede nel 2019 delle gare ginniche delle Universiadi. Decisiva per l’assegnazione dell’evento la collaborazione della Regione Campania, dell’ARU - Agenzia Regionale Universiade per lo Sport, del Comune di Napoli per l’assegnazione dell’impianto, del Coni (il Presidente Malagò si è complimentato subito con il presidente Tecchi) e della società Campania 2000, guidata dal presidente del Comitato locale FGI Aldo Castaldo.

L’esperienza acquisita nei mesi scorsi con “l’autunno e la primavera napoletana della ginnastica”, una serie di appuntamenti nazionali di vertice, coordinati per conto del Presidente federale dal suo vice, il prof. Rosario Pitton, ha portato alla consapevolezza di poter ospitare una competizione di livello internazionale.

Il Vecchio Continente si ritroverà, dunque, in una delle città più belle e ospitali del pianeta, dal 24 al 28 aprile per gli uomini e dal 1° al 5 maggio 2024 per le donne (le date sono ancora al vaglio della federazione internazionale), stretto nell’abbraccio simbolico, ci auguriamo in una dimensione post Covid, del suggestivo golfo partenopeo.