Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Alle 15 di oggi è iniziata la due giorni dedicata all’Aerobica italiana. Ad aprire il programma di gara al Palasport di Porto Sant’Elpidio il Trofeo MAA 2020, riservato alla categoria allieve. Il titolo individuale femminile se lo aggiudica Giorgia Vannutelli (Ginnastica Agorà) che, con 17.600 punti, precede Ilaria Pagella (Ginnastica Valentia) e Ginevra Evangelista (Ginnastica Macerata). Alessia Moroni e Anna Pinzi (Ginnastica Macerata) compongono la miglior Coppia di quest’anno imponendosi sulle stelline della Ginnastica Agorà – Nicole Casaletti e Giorgia Vannutelli – e su quelle dell’Anxa Gym – Francesca Di Matteo e Clarissa Lusi. Successivamente è stata la volta dei Trio. La Ginnastica Agorà (Nicole Casaletti, Elena Cestra e Giorgia Vannutelli) si impone sulla seconda formazione in gara, quella dell’Anxa Gym (Francesca Di Matteo, Maria Teresa Gentile e Clarissa Lusi). Sulla pedana marchigiana, le ginnaste e i ginnasti della categoria Junior A, suddivisi in due compagini regionali, si sono sfidati per il Torneo delle Regioni. Anche quest’anno è stata la Campania ad aggiudicarsi l’ambita coppa grazie alle performance di Maria Chiocca nell’individuale, di Anna Looz, Chiocca e Mariana Mancino, nel Trio e, per finire, di Looz, Mancino, Sofia Romano, Federica Carnevale, Pasqualina Palumbo e Diana Della Ragione, nel Gruppo. Piazza d’onore per la Lombardia, a pochi decimi di distanza. Alle premiazioni hanno partecipato Gherardo Tecchi, presidente della Federazione Ginnastica d’Italia, Michela Castoldi, campionessa del mondo in Coppia Mista insieme a Davide Donati e neo eletta consigliera federale in rappresentanza atleti, Luisa Righetti, Direttrice Tecnica Nazionale e Walter Muzzi, Team manager di sezione.

Dal nostro inviato Federico Calabrò - foto di Simone Ferraro