Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

È il turno dei Campionati d’Europa di Ginnastica Artistica. Mercoledì a Mersin prenderà il via la rassegna maschile che si sarebbe dovuta tenere a fine maggio scorso in Azerbaijan. Sospesa a causa della pandemia la 34ª edizione della kermesse continentale riparte dalla Turchia, che non aveva mai ospitato prima un Europeo di Artistica. Nella cittadina dell’Anatolia meridionale, sede nel 2013 dei Giochi del Mediterraneo, si ritroveranno circa 120 ginnasti, divisi tra junior e senior, in rappresentanza di una ventina Federazioni. Assente l’Italia che ha scelto di non partecipare a causa dell’emergenza sanitaria, e il campione all-around giovanile 2018, ormai passato di categoria, Nicolò Mozzato, oltre a molti altri mancati protagonisti tra i senior, a cominciare dalle squadre di Russia, Gran Bretagna e Francia che salirono podio di Glasgow, due anni fa. Non vedremo neanche i grandi specialisti di Stettino 2019, i russi Nikita Nagornyy, Artur Dalaloyan e Denis Ablyazin, il britannico Max Whitlock, l’olandese volante Epke Zonderland. E neppure Marco Lodadio che ad Ablyazin contese mezza medaglia d’oro, in Polonia. Strada spianata, almeno sul castello degli anelli per l’idolo di casa, il campione del mondo Ibrahim Colak, giunto di pochi decimi davanti al nostro aviere dell’Aeronautica Militare, quando a Stoccarda c’era in palio anche il pass olimpico. Losanna invece ha deciso di togliere il peso della qualificazione per Tokyo all’evento di Mersin e così molte Federazione hanno preferito dare forfait. Si apre, dunque, un autostrada per tanti altri ginnasti che si candidano ad iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro continentale. Favorite, naturalmente, le star ucraine - Petro Pakhniuk, Igor Radivilov e Ilia Kovtun – ma un occhio di riguardo lo meritano anche i turchi Colak, Ferhat Arican e Ahmet Onder, che cercheranno di monetizzare il fattore campo, i croati Tin Srbic, Robert Seligman e Filip Ude, l’ungherese David Vecsernyes, il cavallista sloveno Saso Bertoncelj e i superman israeliani Artem Dolgopyat, Alexander Shatilov e Andrey Medvedev. Un capitolo a parte merita l’highlander rumeno Marian Dragulescu, che, a pochi giorni dal suo 40esimo compleanno, ha ancora voglia di stupire. Ovviamente il lungo periodo di inattività e la preparazione intervallata dai lockdown, per una competizione irritualmente collocata in un periodo di scarico, dopo un’Olimpiade rinviata e una stagione sconvolta, apre ad ogni possibile scenario per un torneo incerto fino all’ultimo. Il formato prevede per il 9 dicembre le qualificazioni juniores, valevoli anche come finale a squadre giovanili. Giovedì 10 andranno in scena le qualifiche dei Senior. Venerdì 11, dopo la cerimonia di apertura, sarà il turno del Concorso generale di categoria. I migliori 24 baby europei si contenderanno il titolo del mestrino Mozzato, che in Scozia non lasciò scampo a nessuno. Sabato 12 le migliori sei squadre, tra Repubblica Ceca, Turchia, Israele, Ucraina, Austria, Romania, Lituania, Ungheria, Croazia e Bulgaria, si giocheranno la corona continentale. Domenica 13 si conclude con le final eight per attrezzo, junior e senior, e i soliti fuochi d’artificio tra i grandi specialisti internazionali. “La Federazione turca e il suo Comitato organizzatore locale stanno lavorando duramente per far svolgere le gare al top – ha dichiarato Farid Gayibov, il numero uno dell’European Gymnastics - Sono fiducioso che, a Mersin, proverò le stesse sensazioni che avevo a Kiev: orgoglio e ammirazione”. Purtroppo però anche delusione, per il presidente azero, che ha visto ieri la delegazione del suo Paese rispedita a casa per tre casi di positività accertati (2 senior e uno juniores). La task force covid-19, composta da membri del COL, della Federazione continentale e delle autorità sanitarie locali, ha deciso di escludere l’intera Nazionale dell’Azerbaijan e un giovane serbo. Malgrado le porte chiuse della Mersin Gymnastics Hall si potrà seguire la competizione in diretta streaming sul portale dell’Eurovision (CLICCA QUI) e su gymtv.online, dove, grazie a SmartScoring, verranno pubblicati i punteggi live. Rai Sport manderà in onda una sintesi in differita martedì 15 a partire dalle 20:00. Per i più social l’hashtag ufficiale dell'evento è #Mersin2020.

PROGRAMMA (ORA ITALIANA) - MERSIN GMT+3

Mercoledì 9 dicembre
08:00 – 10:45 Qualificazioni e Finale a Squadre Junior – suddivisione 1
12:00 – 14:45 Qualificazioni e Finale a Squadre Junior – suddivisione 2
16:00 – 18:45 Qualificazioni e Finale a Squadre Junior – suddivisione 3

Giovedì 10 dicembre
08:00 – 10:45 Qualificazioni Senior – suddivisione 1
12:00 – 14:45 Qualificazioni Senior – suddivisione 2
16:00 – 18:45 Qualificazioni Senior – suddivisione 3

Venerdì 11 dicembre
09:45 Cerimonia di apertura
10:00 – 12:50 Finale Concorso Generale Juniores

Sabato 12 dicembre
13:00 – 15:30 Finale a squadre Senior

Domenica 13 dicembre
08:00 – 10:30 Finali di Specialità Junior
13:00 – 16:45 Finali di Specialità Senior