Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

A pochi giorni dalla riapertura delle scuole molte società e associazioni sportive che fanno uso delle palestre scolastiche non sanno che ne sarà di loro. Sono tante e rischiano di scomparire. Il Presidente Tecchi ha lanciato l’allarme in un’intervista a Valerio Piccioni, uscita oggi su La Gazzetta dello Sport a pagina 42. Il problema è in cima alla lista delle cose da fare, a Viale Tiziano 70, pur non essendo di facile soluzione, per via delle tante componenti coinvolte. Valeva la pena di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica su un argomento che, nel silenzio generale, sta letteralmente smontando la storica equazione di Giovenale della mens sana in corpore sano, creando una assurda contrapposizione tra il diritto all’istruzione e quello all’attività fisica. E con la pagina sulla Gazza si spera di sensibilizzare le autorità competenti, più di quanto non sia stato già fatto in privato. Il Presidente Tecchi infatti aveva scritto una lettera al ministro Lucia Azzolina, al collega Vincenzo Spadafora, a capo del dicastero per le politiche giovanili e lo sport, e al Presidente Giovanni Malagò, ma l’unico a rispondere è stato il numero uno del Coni, auspicando, anche lui, un intervento del Governo. Ormai siamo agli sgoccioli con la necessaria ripartenza delle scuole, il 14 settembre, tuttavia nell’inchiesta di Piccioni tre dirigenti di società ginniche, Marisa Verotta (Virtus Gallarate), Roberto Carminucci (Roma 70) e Liliana Leone (ASD Azzurra) – una del nord, una del centro e una del sud Italia - raccontano criticità diverse, perché diverse sono le interpretazioni delle norme da parte dei rispettivi presidi. E così ci si trova in una giungla di provvedimenti a macchia di leopardo che rischiano di bloccare l’attività di un comparto che ha prodotto, negli anni, tanti risultati eccellenti. Non ultimo il vice campione del mondo agli anelli Marco Lodadio, che ha mosso i primi passi proprio in una palestra scolastica di Frascati. Non fatevi scappare quindi la Gazzetta dello Sport, perchè il futuro della decana delle Federazioni Sportive Nazionali oggi passa anche dall’edicola.