Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

"Carissimo Alessandro, la sua storia è un esempio di come riuscire a ripartire dopo uno stop improvviso. Attraverso lo sport ha insegnato a vivere la vita da protagonista, facendo della disabilità una lezione di umanità". Inizia con queste parole la lettera che Papa Francesco ha scritto ad Alex Zanardi, il campione che lotta per la vita in un ospedale di Siena dopo il grave incidente di venerdì scorso con la sua handbike. Il Santo Padre ha voluto mandargli un messaggio attraverso la Gazzetta dello Sport che ieri ha ospitato anche l'intervento di don Marco Pozza, amico di Zanardi. Insieme hanno corso le maratone di New York, Venezia e Padova. "Alex piace a Francesco perché' è molto vicino al senso del suo pontificato, perché' ha trasformato la disabilità in una grande lezione di umanità - spiega don Marco Pozza alla Gazzetta dello Sport -. E il Papa cerca sempre di restituire autostima a chi è in difficoltà, a chi si sente ai margini. Perché' il vero disabile è chi non ha stima di se'". "Grazie per aver dato forza a chi l'aveva perduta. In questo momento tanto doloroso le sono vicino, prego per lei e la sua famiglia. Che il Signore la benedica e la Madonna la custodisca. Fraternamente", la conclusione del messaggio di Papa Bergoglio ad Alex Zanardi. "Voglio mandare un abbraccio forte ad Alex – ha aggiunto ai microfoni di Sky Sport, il presidente del Coni, Giovanni Malago' - in questo momento, è il simbolo di tutto lo sport e non solo di quello italiano. Ho letto il messaggio che ha scritto il Papa per lui, commovente, pazzesco, eccezionale"."Sei entrato nel cuore di tutti, anche di Papa Francesco che ti ha dedicato parole bellissime. Sono giorni di apprensione per la nostra famiglia paralimpica. Siamo tutti al tuo fianco in questa battaglia e non vediamo l'ora di riabbracciarti. Tieni duro. Ancora una volta #forzaalex". Lo ha scritto su twitterLuca Pancalli, presidente del Comitato paralimpico, inviando un messaggio di vicinanza all’oro di Londra e di Rio de Janeiro. Intanto le condizioni di Zanardi rimangono stazionarie, ricoverato nella terapia intensiva del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena da venerdi' 19 giugno. "L'atleta - informa l'ultimo bollettino medico diramato - ha trascorso la quinta notte di degenza senza sostanziali variazioni nelle sue condizioni cliniche, per quanto riguarda i parametri cardio-respiratori e metabolici, e rimane grave il quadro neurologico. Continua il neuromonitoraggio e viene valutato costantemente da un'equipe formata principalmente da anestesisti-rianimatori e neurochirurghi, affiancata da un team multidisciplinare in base alle diverse esigenze cliniche. Il paziente e' sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente e la prognosi rimane riservata. Sentita la famiglia - conclude la nota - si ritiene utile non diffondere altri bollettini medici sino a quando non ci saranno variazioni significative sul suo stato di salute". Ovviamente anche la Federazione Ginnastica d’Italia è in grande apprensione per le condizioni del campione paralimpico e si augura di vederlo vincere, ancora una volta, la sua gara più importante.