Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il Comitato Esecutivo della Federazione Europea di Ginnastica, visto l’andamento in netto calo della pandemia da Covid-19 sul Vecchio Continente, ha concordato, in collaborazione con i Comitati organizzativi locali, le nuove date per i Campionati Europei del 2020. La rassegna di artistica maschile, originariamente in programma a fine maggio, slitta alloa seconda settimana di dicembre, dal 9 al 13, mantenendo la sede di Baku. Nella stessa location azera, dal 17 al 20 dicembre si terrà anche la manifestazione femminile, che si sarebbe dovuta disputare a Parigi dal 30 aprile al 3 maggio. Vista la rinuncia francese la decisione più logica è stata quella dell’accorpamento dei due ebventi sulle rive del Caspio. Kiev invece ospiterà gli europei di ginnastica ritmica, come da programma, ma dal 26 al 29 novembre, anziché dal 21 al 24 maggio. Il formato delle competizioni rimane invariato, compresi i concorsi delle qualificazioni olimpiche. “Queste decisioni sono state prese con le informazioni attualmente disponibili dalle Federazioni Nazionali e sulla base dell’attuale situazione dell’emergenza Coronavirus in Europa - ha dichiarato il presidente Farid Gayibov - Al momento siamo fiduciosi che gli eventi si possano disputare in autunno. Tuttavia, nei prossimi mesi continueremo a monitorare la situazione. Se dovessero venir meno le garanzie di sicurezza attualmente esistenti, ci comporteremo di conseguenza. La salute dei ginnasti e delle ginnaste, degli allenatori e degli spettatori rimane la nostra principale preoccupazione".