Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Hanno conquistato le finali con le unghie e con i denti, se le sono giocate con le migliori intenzioni. La Squadra Nazionale junior, plasmata da Julieta Cantaluppi e Laura Zacchilli alla corte di Fabriano insieme a Kristina Ghiurova in soli 10 mesi di preparazione, ha dato il massimo in questo 37° Campionato Europeo di Ginnastica Ritmica a Varna. Dopo aver sfiorato di un soffio il podio nell'All-Around di questa mattina, Alice Capozucco (Armonia d’Abruzzo), Martina Lamberti (Polimnia Ritmica Romana), Gaia Pozzi (San Giorgio ’79 Desio), Viola Sella (Forza e Coraggio di Milano), Chiara Badii (Falciai Arezzo) e Lorjen D'Ambrogio (Ginnastica Fabriano) hanno disputato entrambe le Final Eight di specialità in cerca di riscatto per l'obiettivo mancato di niente. Hanno rotto il ghiaccio con le 5 palle, sul successo di Adriano Celentano degli anni '70 "Prisencolinensinainciusol", in un'esecuzione sporcata, per troppa emozione, da qualche errore di troppo che le relega in settima posizione con 33.000 punti. L'Italbaby poi è tornata in pedana per l'esercizio con i 5 nastri sulle note di "James Bond", del compositore Monty Norman, arrangiato e diretto da David Arnold e Nicholas Dodd. Anche qui le azzurrine peccano di precisione e ottengono il 7° posto con il punteggio di 23.100.

La Russia, dopo essersi laureata campione d'Europa nel concorso generale, ha fatto il tris aggiudicandosi anche entrambi i titoli di specialità. Le padrone di casa della Bulgaria centrano la doppietta d'argento nelle finali, un bronzo a testa per la Bielorussia (5 palle) e Israele (5 nastri). Non hanno certo nulla da rimproverarsi le giovani azzurre, in una giornata intensa ed emozionante di gara, ripagate dall'affetto delle famiglie giunte in Bulgaria per fare il tifo e dagli applausi di tutta la delegazione itailana presente sugli spalti del Palace of Culture and Sports: il vicepresidente federale Rosario Pitton, la Direttrice Tecnica Emanuela Maccarani, le ufficiali di gara Maria Isabella Zunino Reggio ed Emanuela Agnolucci e la giudice internazionale e membro del Comitato tecnico dell'European Gymnastics Elena Aliprandi.

Dalla nostra inviata Giorgia Baldinacci

CLASSIFICA FINALE 5 PALLE

CLASSIFICA FINALE 5 NASTRI