Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Hanno rotto il ghiaccio con tanta emozione per il loro primo Campionato Europeo. La Squadra Nazionale junior di Ginnastica Ritmica ha fatto il proprio esordio sulla pedana del Palace Culture and Sports di Varna, dove si è aperta questa mattina la rassegna continentale con l'All Around dei gruppi delle più piccole. Alice Capozucco (Armonia d’Abruzzo), Martina Lamberti (Polimnia Ritmica Romana), Gaia Pozzi (San Giorgio ’79 Desio), Viola Sella (Forza e Coraggio di Milano), Chiara Badii (Falciai Arezzo) e Lorjen D'Ambrogio (Ginnastica Fabriano) hanno cominciato il loro programma portando sulle rive del Mar Nero l'esercizio con i 5 nastri sulle note di "James Bond", del compositore Monty Norman, arrangiato e diretto da David Arnold e Nicholas Dodd. La prima esecuzione è stata valutata dalla giuria 27.100 punti, un inizio a bomba per il gruppo azzurro.

Poi l'Italbaby, plasmata da Julieta Cantaluppi e Laura Zacchilli alla corte di Fabriano, è tornata in pedana per la seconda rotazione con le 5 palle sul successo di Adriano Celentano degli anni '70 "Prisencolinensinainciusol". Il punteggio di 35.650 porta al totale di 62.750 per la Squadretta azzurra, che chiude il concorso generale ai piedi del podio con un quarto posto che dista appena cinque decimi dal bronzo di Israele (63.175 pt.). Il titolo di Campione d'Europa junior va alla Russia (67.800 pt.), piazza d'onore per le padrone di casa della Bulgaria (65.450 pt.). L'occasione per provare di nuovo la caccia alle medaglie è dietro l'angolo, perché i due esercizi delle azzurrine valgono il pass per entrambe le finali di specialità, in programma sempre oggi nel tardo pomeriggio: a partire dalle 19:00 (ora locale) le rivedremo con le 5 palle e dalle 19:55 con i 5 nastri per cacciare via quel pizzico di amaro che resta per aver mancato di un soffio la gioia del successo. 

A fare il tifo per le piccole Farfalle c'era tutta la delegazione italiana, guidata dal vicepresidente Rosario Pitton, con le individualiste Sofia Raffaeli e Alexandra Agiurgiuculese e la sua tecnica Spela Dragas, il medico federale Maria Conforti, il fisioterapista Alessandro Calcinaro e le ufficiali di gara Maria Isabella Zunino Reggio ed Emanuela Agnolucci. Sugli spalti, in un palazzetto aperto al pubbico per il 50% della capacità, anche le famiglie delle azzurre, sbarcate in Bulgaria per sostenerle da vicino.

Dalla nostra inviata Giorgia Baldinacci

CLASSIFICA ALL AROUND SQUADRE JUNIOR

START LIST FINALI SPECIALITA'