Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Oggi, dopo la cerimonia di premiazione delle ultime finali senior del campionato Europeo di Baku, è stato assegnato il premio “SmartScoring Shooting Star”. Il prestigioso riconoscimento è stato consegnato da Kamran Ramazanov - manager di SmartScoring, partner globale dell’Unione Europea di Ginnastica – a Daniel Bali (HUN) e all'azzurra Michela Castoldi. Istituito nel 2018, questo premio mira a mettere sotto i riflettori un ginnasta con una storia eccezionale, una persona che è fonte di ispirazione per le future generazioni di ginnasti e per il pubblico in generale.

Dopo aver gareggiato a livello internazionale per quasi un decennio, Michela Castoldi – nata a Legnano il 28 novembre del 1995 e tesserata per l'Aerobic Fusion - ha ottenuto grandi successi nella sua carriera, evidenziata soprattutto da due titoli mondiali consecutivi con Davide Donati, suo partner da sempre in Coppia Mista. Tuttavia, ha dovuto superare molte difficoltà personali negli anni ma la sua passione per questo sport, la sua dedizione e il suo carattere caparbio l’hanno risollevata e le hanno permesso di andare avanti nella vita sempre a testa alta. Per questo motivo è sicuramente una fonte di ispirazione per i suoi compagni di squadra e per i giovani ginnasti dell'Aerobica, sia in Italia che all'estero.

L'ungherese Daniel Bali, invece, è conosciuto come uno dei più talentuosi e laboriosi ginnasti dell'aerobica. Avendo iniziato all'età di 4 anni, Bali ha collezionato medaglie su medaglie, compreso il primo titolo dei Giochi Europei con il gruppo ungherese. Ma l'oro individuale gli è sfuggito più volte durante i grandi eventi internazionali. Nel 2017 finalmente, in occasione degli europei di Ancona, Bali è riuscito a mettersi al collo la medaglia più preziosa nella finale individuale maschile, oltre all'argento in coppia mista e al bronzo con il gruppo. Continua ad essere un esempio per i suoi colleghi e non ha ancora in programma di appendere le sue scarpe al chiodo.

Credit foto: ©FIG e Simone Ferraro/FGI