Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Un oro in coppia mista e un argento nel gruppo sono le medaglie conquistate dagli junior nelle finali dell’Europeo di Aerobica in scena in questi giorni a Baku. Andrea Colnago ed Elisa Marras – entrambi dell’Aerobica Evolution – hanno portato a termine una routine perfetta che è stata valutata dalla giuria internazionale con 20.050 punti, gli stessi del duo russo che, però, si ferma sulla piazza d’onore perché la nota di esecuzione è risultata inferiore rispetto a quella della coppia azzurra. Bronzo invece per il tandem romeno a quota 19.900. La gioia di una vittoria non ha distratto le compagne di squadra impegnate nella gara dei gruppi. La formazione italiana tutta al femminile, composta da Sofia Cavalleri, Gaia Laurino, Alice Pettinari, Arianna Ciurlanti e Sara Cutini, si è assicurata con 19.600 punti il secondo gradino del podio azero davanti all’Ungheria – stesso punteggio ma con la nota di esecuzione più bassa – ma dietro alla Russia, oro con 20.050. A livello individuale, invece, il russo Anton Kolobov – con 21.100 punti - è il più forte ginnasta tra le migliori otto promesse del Vecchio Continente. In questa specialità Andrea Colnago si ritaglia la settima posizione con il personale di 19.850, mentre la sua collega, Sara Cutini, con lo stesso risultato, si ritaglia l’ottavo piazzamento tra le individualiste, la cui reginetta è la russa Anastasia Dmitreva (20.700). Il trio di Lucrezia Rexhepi, Martina Bullo e Lisa Brenna ha terminato la sua gara in quinta posizione con 19.300 punti, a due decimi dall’Ungheria, ferma ai piedi del podio con 19.500. In questa specialità la Russia fa da padrona scalando la classifica con 20.100 punti, finendo davanti alla Romania (pt. 19.950) e alla seconda formazione moscovita (pt. 19.550). Nell’Aerodance gli azzurrini sfiorano il podio di appena mezzo decimo di punto. Giorgia Frigeni, Lisa Brenna, Martina Bullo, Elisa Marras, Alice Pettinari e Lucrezia Rexhepi mettono insieme 17.150 punti. Oro, argento e bronzo vanno invece a Russia (17.700), Romania (17.350) e Ungheria (17.200). Soddisfatta delle loro prestazioni la Direttrice Tecnica nazionale di sezione Luisa Righetti, accompagnata a Baku dal capo delegazione Franco Musso, dal Team Manager Walter Muzzi, dai tecnici Simona Scotto Di Carlo, Emiliano Granzotto e Vito Iaia nonché dagli ufficiali di gara Monica Darone e Gloria Gastaldi: “Sono stati tutti bravissimi. Ovviamente un plauso particolare va ai nostri ginnasti della coppia junior, classe 2004 e alla loro prima esperienza continentale. Non hanno deluso le aspettative e hanno portato sulla pedana della Milli Gymnastike Arenasi di Baku l’esercizio artisticamente più bello di tutto il panorama europeo. Stesso discorso vale per il gruppo – ha concluso la DTN – Un incredibile argento a pari merito con la Russia, da sempre una delle avversarie più forti sia a livello junior sia senior. Le ragazze si sono comportate benissimo e hanno dimostrato di avere carattere e di saper gestire la tensione che una gara di questo livello inevitabilmente induce. Sono fiera di tutti loro!”