Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Martina Rizzelli è caduta dal giro di pianta 360 nell’esercizio alle parallele asimmetriche. Il caporal maggiore dell’esercito italiano chiude, quindi, in ottava posizione nella finale di World Cup sugli staggi australiani con un 12.000 tondo (D. 5.20 - E. 6.80). Domani tocca a Vanessa Ferrari gareggiare nella finale al corpo libero.

Questa mattina si sono verificati dei problemi tecnici durante la finale alle parallele asimmetriche di Martina Rizzelli su Volare TV, a causa di un fastidioso buffering sulla trasmissione del segnale da parte del provider della Federazione Internazionale. Abbiamo quindi deciso di riproporvi l'esercizio gratuitamente e ci scusiamo con i nostri abbonati. In tarda serata sarà di nuovo disponibile, on demand, su www.volare.tv tutta la prima giornata della World Cup australiana di Ginnastica Artistica, con le final eight sugli staggi donne, quelle del corpo libero maschile, del volteggio femminile, del cavallo con maniglie e degli anelli. Domani mattina, in diretta, la seconda parte, che vede Vanessa Ferrari presentarsi con il miglior punteggio di ammissione sul quadrato centrale. Da Melbourne ci hanno assicurato che questa volta andrà tutto bene. In ogni caso anche la seconda parte della Coppa del Mondo sarà ricaricata on demand in giornata e potrete rivederla con calma, quando più vi piace. Fino a qualche anno fa un servizio del genere offerto direttamente dalla Federazione sarebbe stato impensabile. Dopo anni di gare nazionali, siamo arrivati ai Mondiali e alle World Cup, colmando il vuoto dei network tradizionali. Stiamo davvero crescendo, grazie a voi. Ma come per ogni ginnasta, sulla strada del podio ci sono, ogni tanto, le cadute. Basta rialzarsi e andare avanti...

Foto: Ricardo Bufolin/FGI