Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Dopo il bronzo di ieri al corpo libero alla World Challenge Cup di Osijek, in Croazia, Nicola Bartolini – il pupillo della Ginnastica Salerno allenato da Serguei Oudalov – stupisce ancora e vince un altro bronzo, questa volta al volteggio. Due salti molto tecnici, eseguiti e stoppati alla perfezione, hanno permesso al cagliaritano classe ’96 di arrivare terzo sulla rincorsa dei 25 metri con il punteggio di 14.350, alle spalle dell’Israeliano Andrey Medvedev (14.667) e dell’inglese Dominick Cunningham (14.434). “Bart”, come molti amano chiamarlo, si è lasciato alle spalle ginnasti del calibro di Chih Kai Lee (TPE - 14.283), Audrys NIN Reyes (DOM - 14.217), Igor Radivilov (UKR - 14.183), Denis Abliazin (RUS - 13.734), Ahmed Onder (TUR - 13.534). Oggi in finale anche Ludovico Edalli. L’Aviere dell’Aeronautica Militare, seguito da Paolo Siviero, si posiziona al sesto posto nella classifica della sbarra a causa di una caduta dall’attrezzo. Con 11.867 è davanti comunque a Marios Georgiu (10.200) e Ahmed Elmaraghy (9.900). Nelle prime tre posizioni troviamo: Tin Srbic (14.700), Robert Tvorogal (13.667) e Taha Serhani (13.633). Ai piedi del podio, invece, Umit Samiloglu (13.333). Tra il turco e il nostro azzurro si colloca il padrone di casa Anton Kovacevi (12.867). “Bartolini ha condotto una gara splendida – ha affermato Paolo Siviero al termine della giornata – Siamo contentissimi di questo ulteriore podio dopo quello di ieri sulla pedana della Sport Hall Gradski VRT di Osijek. Nicola è sicuramente un ginnasta di qualità che sta crescendo tantissimo, a dimostrazione del grande lavoro che la sezione maschile dei grandi attrezzi sta facendo per portare alto il nome dell’Italia nel Mondo. È uno specialista questo è sicuro! Anche Ludovico, malgrado la caduta, si è presentato in gara con un’ottima preparazione fisica. Ha mantenuto i nervi saldi, sintomo di esperienza che gli servirà ancor di più in futuro. È stata davvero una trasferta al cardiopalma densa di emozioni. Sei finali in coppa del mondo con due medaglie, in due diverse specialità, è sicuramente un risultato molto positivo e competitivo. Voglio congratularmi con tutti i componenti della delegazione. Torniamo in Italia stanchi ma orgogliosi di quello che abbiamo fatto. Esperienze utili per i prossimi impegni internazionali che ci vedranno protagonisti”. Clicca qui per vedere tutte le classifiche di specialità: https://goo.gl/FBRHCU.