Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Le Farfalle azzurre oggi, nella prima giornata di gara della decima coppa del mondo di Pesaro, sono state le protagoniste di un crescendo rossiniano che ha lasciato senza fiato il pubblico dell’Adriatic Arena. La squadra nazionale di Ginnastica Ritmica si assicura la testa della classifica provvisoria dell’All around con l’esercizio ai 5 cerchi - montato sulle note del “Lago dei Cigni” di Chaikovsky – grazie ad un incredibile 21.200 punti (D. 12.500 – E. 8.7). Inseguono le rivali di sempre, Bielorussia e Russia, rispettivamente con 20.450 e 19.100. Per la finale di specialità di domenica si classificano anche: Cina (pt. 18.400), Francia (pt. 18.150), Spagna (pt. 17.700), Israele (pt. 17.400) e Azerbaijan (pt. 17.300). “Abbiamo cominciato bene – ha dichiarato capitan Maurelli al termine della gara odierna – Dobbiamo mantenere alta la concentrazione anche nell’esercizio misto palle e funi di domani. Gareggiare in casa è sempre un’emozione indescrivibile. La responsabilità di fare bene è tanta. Lo facciamo per noi e per il pubblico che ci sostiene”. Le 3 palle e 2 funi delle Farfalle sarà visibile su www.volare.tv in diretta e in esclusiva per l’Italia.

Le due ginnaste convocate dalla dtn Emanuela Maccarani, invece, non superano la fase di qualificazione di cerchio e palla. Milena Baldassarri, seguita attentamente dalla sua tecnica Julieta Cantaluppi, si piazza all’11° posto provvisorio nel concorso generale individuale (pt. 33.350) e come prima riserva per la finale al cerchio (pt. 16.850) mentre Alexandra Agiurgiuculese, allenata nella palestra dell’ASU di Udine da Spela Dragas e Magda Pigano – a causa di alcune perdite con la palla – finisce in 34ª posizione. In testa, al momento, troviamo la russa Dina Averina. Dietro di lei l’israeliana Linoy Asharm e la bulgara Katrin Taseva. Domani rivedremo le punte di diamante della ritmica azzurra salire in pedana con clavette e nastro. Al termine della seconda giornata scopriremo la regina della seconda World Cup del circuito internazionale 2018. Nella gara di esordio a Sofia di due settimane fa ha trionfato la russa Aleksandra Soldatova.

Il tavolo di giuria di entrambe le gare è stato presieduto dal delegato tecnico della FIG Maria Gigova. Presenti anche il componente del comitato tecnico internazionale Daniela Delle Chiaie e la dtn dei piccoli attrezzi Emanuela Maccarani. Tra gli ufficiali di gara - diretti dalla referente nazionale Alexia Agnani - Elena Aliprandi, impegnata nelle difficoltà della palla ed Emanuela Agnolucci sorteggiata come giudice di linea durante i 5 cerchi dei gruppi.

Tra le autorità presenti sugli spalti del palazzetto di via Gagarin il numero uno della Ginnastica italiana il cav. Gherardo Tecchi, il Segretario Generale FGI Roberto Pentrella, il consigliere nazionale Grazia Ciarlitto – che veste anche i panni di capo delegazione – Egle Abruzzini, già massimo esponente del comitato tecnico internazionale di Ritmica, il presidente del COL “Turismo e Sport” Paola Porfiri e il direttore dell’Adriatic Arena Filippo Colombo.

foto: ©Daniele Cifalà/FGI