Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Abbiamo raccontato lo straordinario 2018 della Federginnastica in un altro articolo (clicca qui), ma adesso vogliamo ricordare cosa è accaduto, nello stesso periodo, nelle altre discipline. Quello che volge al termine è stato un anno agrodolce per lo sport italiano, che dà l’addio troppo presto a due campioni come il difensore della Fiorentina Davide Astori e l'ex iridata del volley Sara Anzanello. Il calcio trova in Gabriele Gravina una nuova guida ma può solo assistere in tv al Mondiale di Russia, vinto dalla Francia. La Juventus mette in bacheca il settimo scudetto consecutivo, Mancini è il nuovo c.t. di una Nazionale che non approda alla Final Four di Nations League. Il 2018 è stato però anche un anno a cinque cerchi, con i Giochi Invernali di Pyeongchang che regalano alla spedizione tricolore dieci medaglie, e quello della candidatura di Milano-Cortina alle Olimpiadi Estive del 2022. Ma cominciamo da gennaio. Va a vuoto l'Assemblea Elettiva della Figc e così arriva il commissario, nella figura del segretario generale del Coni Fabbricini. Il numero uno dello sport italiano, Malagò, è invece il nuovo commissario della Lega di Serie A. Addio all'ex c.t. azzurro Vicini. Italsci da sogno con tanti podi azzurri in Coppa del Mondo: storico quello tutto tricolore, nella discesa femminile di Bad Kleinkirchheim, con Goggia (vincitrice nella specialità anche a Cortina), Brignone (prima anche in SuperG) e N. Fanchini. Grande Fill, che vince la Coppetta di combinata. Nel fondo, Pellegrino torna al successo firmando la sprint a tl di Dresda davanti a Klaebo per poi trionfare nella Team Sprint con Noeckler. Nel biathlon, Wierer, già seconda nella pursuit di Oberhof, domina la 15 km individuale di Ruhpolding. La staffetta maschile conquista uno storico secondo posto in Coppa del Mondo a Oberhof. Quella femminile è argento a Ruhpolding. Italia super agli Europei di velocità: Tumolero oro nei 5000, Lollobrigida vince nella mass start davanti alla Bettrone; argento per Giovannini nella maschile. Kostner vince il bronzo agli Europei di figura. Valcepina regina dello short track agli Europei a Dresda. L'azzurra vince due ori, nei 1500 e nei 500 metri, battendo Fontana, che conquista l'argento per poi trionfare nei 1000 e conquistare il suo settimo titolo continentale in carriera. Nel tennis, Federer entra definitivamente nel mito: sesto trionfo agli Australian Open e ventesimo Slam in carriera. Fognini e Seppi si fermano agli ottavi, tra le donne si impone Wozniacki. Fognini e Giorgi si spingono sino alle semifinali a Sydney, Seppi trionfa nel challenger di Canberra. A Impey il Tour Down Under, prima corsa stagionale del World Tour di ciclismo. Di Biagio nominato ct azzurro per le amichevoli che la Nazionale disputerà a marzo, contro Argentina ed Inghilterra. L'Italia chiude le Olimpiadi Invernali di Pyeongchang 2018 con 10 medaglie: 3 ori, 2 argenti, 5 bronzi. Titoli tutti al femminile con Goggia (sci), Fontana (short track) e Moioli (snowboard). Semifinali Atp per Seppi (Rotterdam) e Fognini (Rio de Janeiro). Federer torna numero uno del ranking mondiale. Nel ciclismo, Valverde si aggiudica la Volta Valenciana e l'Abu Dhabi Tour, Viviani conquista il Dubai Tour, Moreno Moser fa suo il Trofeo Laigueglia. L'Italrugby debutta nel Sei Nazioni 2018 con un pesante ko con l'Inghilterra, poi altre due sconfitte in Irlanda e Francia. Altri successi in Coppa del Mondo per l'Italscherma: Criscio trionfa nella sciabola a Baltimora, Volpi si impone su Cipressa nel fioretto ad Algeri; Bebe Vio fa festa nel fioretto paralimpico a Eger. Torino tra gli uomini e Schio tra le donne vincono la Coppa Italia di basket. Novara si aggiudica la Coppa Italia di volley femminile, Perugia si assicura matematicamente il primato nella regular-season di Superlega. Nella boxe, infine, Marsili si laurea campione mondiale per la Pace. Muore prima della sfida con l'Udinese il capitano della Fiorentina, Astori: a marzo si ferma il campionato di Serie A. Scompare l'ex mister di Atalanta e Torino Mondonico. Lutto anche nel basket per il decesso di Henry Williams e nei motori per la morte di Beggio. Juventus-Milan e' la finale di Tim Cup. Inizia la nuova stagione dei motori. Ancora soddisfazioni per lo sci azzurro: Brignone vince la combinata di Crans Montana, Goggia conquista la Coppetta di libera 16 anni dopo il bis di Kostner. Classifiche assolute a Hirscher e Shiffrin. Nel fondo, vittoria di Pellegrino nella sprint skating di Lahti. Moioli vince la Coppa del Mondo di snowboardcross. Un super Nibali conquista la prima Classica Monumento del 2018, la Milano-Sanremo. Benoot vince le Strade Bianche, Kwiatkowski la Tirreno-Adriatico, Soler la Parigi-Nizza, Sagan la Gand-Wevelgem. Ganna concede il bis nell'inseguimento ai Mondiali su pista. Nell'atletica, bronzo mondiale in sala di Trost nell'alto. L'Italrugby termina il Sei Nazioni con due ko con Galles e Scozia. Nel tennis, Fognini trionfa a San Paolo, Del Potro e Osaka vincono a Indian Wells. L'Italia chiude la Paralimpiade coreana con 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo. Benevento retrocesso matematicamente in B, Empoli in A con netto anticipo. Morto l'ex milanista Wilkins. Nel ciclismo, Terpstra si aggiudica il Giro delle Fiandre, Sagan conquista la Parigi-Roubaix funestata dalla morte del giovane belga Goolaerts. Wellens si aggiudica la Freccia del Brabante, Valgren l'Amstel Gold Race, Alaphilippe la Freccia Vallone e Jungels la decana delle classiche, la Liegi-Bastogne-Liegi. A Roglic il Giro di Romandia. Italtennis sconfitta nei quarti del World Group di Coppa Davis per 3-1 dalla Francia. Niente da fare anche per le azzurre di Fed Cup, che perdono per 4-0 lo spareggio-promozione con il Belgio. Undicesimo trionfo di Nadal a Montecarlo e a Barcellona, primo titolo Atp in carriera per Cecchinato a Budapest. Ravenna concede il bis e conquista ancora la Challenge Cup di volley, Conegliano si aggiudica lo scudetto femminile. Venezia perde la finale di EuroCup femminile di basket contro il Galatasaray. Il Dream Team femminile di fioretto è secondo in Coppa del Mondo a Tauber. Due podi per l'Italjudo agli Europei, Settebello terzo in Europa Cup. La Juventus vince a maggio il suo settimo scudetto consecutivo. Napoli, Roma e Inter, in quest'ordine, guadagnano l'accesso alla Champions League, Lazio, Milan e Atalanta (con il preliminare) vanno in Europa League. Assieme a Benevento retrocedono Verona e Crotone (subito promosse dalla B Empoli e Parma). Roma eliminata in semifinale di Champions League dal Liverpool, battuto poi in finale (3-1) dal Real Madrid, al suo terzo trofeo consecutivo prima dell'addio di Zidane. L'Atletico Madrid conquista l'Europa League battendo in finale 3-0 il Marsiglia. Ai bianconeri anche la finale di Tim Cup contro il Milan. Mancini è il nuovo c.t. dell'Italia. Froome vince la 101esima edizione del Giro d'Italia. Viviani mette a segno un poker di volate e conquista la maglia ciclamino. Venezia supera in finale Avellino e si aggiudica l'Europe Cup di basket maschile. Perugia vince per la prima volta nella sua storia la Superlega di volley superando nella finale scudetto Civitanova per 3-2. La Lube perde anche l'ultimo atto della Final Four di Champions League contro Kazan (terza Perugia). Conegliano termina al terzo posto la Final Four della Champions femminile, vinta dal Vakifbank Istanbul di Guidetti. Nel tennis, Giorgi in semifinale a Praga, Fognini si ferma ai quarti agli Internazionali, vinti da Nadal e Svitolina. Muore dopo un placcaggio la 18enne Rebecca Braglia, rugbista dell'Amatori Parma. Padova torna a vincere lo scudetto dopo sette anni. Bronzi di Chamizo e Kudiimagomedov agli Europei di lotta. Tanti podi per l'Italscherma in Coppa del mondo, tra cui il successo dello sciabolatore Berre' a Madrid. Dall'undicesimo trionfo di Nadal a Parigi, al record italiano sui 100 metri di Filippo Tortu: tanti i numeri a effetto nello sport di giugno. Nel tennis, Nadal vince per l'11esima volta il Roland Garros; la Halep invece rompe il ghiaccio. Tra i grandi protagonisti a Parigi c'e' Cecchinato: il siciliano termina la sua corsa in semifinale contro Thiem, ko all'atto conclusivo contro il campione spagnolo. Fognini, in semifinale a Ginevra, è eliminato negli ottavi da Cilic. Federer prepara sul verde Wimbledon ma viene sconfitto in finale ad Halle (con Nadal che torna numero 1 del mondo). Nel ciclismo, Thomas conquista il Giro del Delfinato, Porte il Giro di Svizzera, Sosa, con tre sprint di Viviani, la neonata Adriatica Ionica Race. Poi Elia Viviani si laurea campione d'Italia. Cresce l'attesa per il Tour: col punto interrogativo Froome, da molti malvisto per il 'caso salbutamolo'. Nel motomondiale Pedrosa dice addio alla Honda, che al suo posto ingaggia per la prossima stagione Lorenzo. La Nazionale di basket 3x3 femminile vince a Manila i Mondiali. L'Italscherma conclude con otto medaglie i Campionati Europei Novi Sad2018. Nell'atletica grande record italiano di Tortu nei 100: l'azzurro ferma il cronometro a 9.99 (vento +0.2) al meeting di Madrid e supera il primato nazionale che resisteva da quasi 39 anni: il famoso 10'01 a Città del Messico del settembre 1979 di Pietro Mennea. Chiusura con altro boom della spedizione azzurra a Tarragona: l'Italia è prima nel medagliere con 56 ori, 55 argenti e 45 bronzi.