Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il 17 marzo 2018 la Reale Società Ginnastica di Torino compirà 174 anni. Per l'occasione ultra centenaria è stata allestita, presso la Biblioteca della Regione Piemonte "Umberto Eco", una mostra (visitabile dal 15 marzo al 18 maggio) di oggetti, documenti e testimonianze storiche. Era il lontano 1844 quando Rodolfo Obermann ed Ernesto Ricardi diedero vita a un'istituzione che, non solo si sarebbe occupata di fare sport, ma avrebbe cercato di carpire le esigenze dell’epoca e di studiarne le possibilità per migliorare: dall'apprendimento della Ginnastica medica all’invenzione di attrezzature per lo studio della fisiologia, dall’accoglienza gratuita dei ceti meno abbienti all’organizzazione di convegni e all'ideazione di programmi scolastici richiesti dal Ministero della Pubblica Istruzione. I soci fondatori, aprendo la ginnastica al settore civile, riuscirono a superare le resistenze di abitudini secolari dimostrandone la validità anche per le donne e ottenendo l'obbligatorietà scolastica dell’attività motoria fin dalla primissima infanzia. Veri e propri precursori. Basti pensare all'obiettivo che la Federginnastica - nel progetto in collaborazione con il Coni e il Miur "Scuole aperte allo Sport" - si sta prefiggendo in questo primo anno di sperimentazione: dare la possibilità a studentesse e studenti della scuola secondaria di primo grado, di età compresa quindi tra gli 11 e i 13 anni, di avviarsi a uno sport, di avvicinarsi alla pratica motoria, anche quando le condizioni economiche della famiglia non lo permetterebbero. Il sodalizio piemontese - che vanta nel suo palmares 5 ori olimpici, 13 titoli europei e più di 100 scudetti tricolore - diretto dal presidente Emanuele Lajolo di Cossano, invita tutti gli appassionati di ginnastica e no in questo itinerario suggestivo fatto di sport, arte, sogni ed emozioni alla scoperta della società sportiva più antica d'Italia.