Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Nel pomeriggio di oggi si è conclusa la seconda Coppa Campioni di Artistica maschile del 2019. Dopo il concorso generale di ieri, i migliori sei ginnasti di ogni attrezzo si sono sfidati nelle finali di specialità. Carlo Macchini (Fermo ’85), dopo aver vinto l’All around, si impone anche a sbarra e parallele, rispettivamente con un 14 netto e un 14.050. La migliore routine sulla pedana del corpo libero è stata quella di Davide Sborchia (Ginnastica Sampietrina), giudicata con un 13.700. Edoardo De Rosa (Ares), invece, ha eseguito il miglior esercizio al cavallo con maniglie. L’oro continentale junior di Glasgow 2018, conquista 14.200 punti e si guadagna la testa della classifica. Sul castello degli anelli invece, Salvatore Maresca (Ginnastica Salerno), ancora fresco della medaglia di bronzo conquistata nella World Cup di Koper ad inizio giugno, mette in mostra tutte le sue qualità e si guadagna il metallo più prezioso con il personale di 14.300. La gara senior si conclude al volteggio. Sulla rincorsa dei 25 metri l’Aviere dell’Aeronautica Militare, Andrea Cingolani, porta a termine i salti migliori e si guadagna la prima posizione con 13.975. Anche la gara junior non ha lesinato emozioni e ottime prestazioni. Jacopo Zuliani, con in bacheca già la coppa campioni di quest’anno, vince anche due finali: anelli (12.500) e sbarra (11.850). Anche Lorenzo Crimi (Pro Patria Bustese) ha la meglio sui suoi avversari in due finali: corpo libero (13.050) e volteggio (13.150). Sul primo gradino del podio nelle altre due finali, cavallo e parallele, salgono rispettivamente Davide Oppizzio (Ginnastica Meda) con 11.150 e Alessio Contero (S. G. La Marmora), a quota 12.450.