Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Da Sansepolcro a Bologna, da Desio a Ferrara. Sale la tensione, cresce l’entusiasmo. La Ginnastica Ritmica non sta più nella pelle, perché questo sarà il weekend decisivo, quello che assegnerà lo scudetto 2019 di Serie A1 del campionato più bello del mondo. Non soltanto, decreterà anche promozioni e retrocessioni in Serie A2 e B. Le stelle più splendenti e i club più forti dei piccoli attrezzi non vedono l’ora di sfidarsi nella finalissima al Pala Sport di Ferrara sabato 16 e domenica 17 marzo. Scalpita soprattutto la Faber Ginnastica Fabriano, che ha messo un’importante ipoteca sul terzo tricolore consecutivo dopo aver letteralmente dominato le prime tre tappe della competizione nazionale. La società marchigiana - guidata da Milena Baldassarri e allenata da Julieta Cantaluppi e Kristina Ghiurova – guarda tutti dall’alto dei suoi 273.950 punti nella classifica generale ed è decisa a chiudere ben presto i conti nel quarto e ultimo appuntamento della stagione. Se lo scudetto sembra ormai seguire la rotta di Fabriano, la lotta per gli altri due gradini del podio sarà tutt’altra questione tra l’Armonia d’Abruzzo e l’Udinese. Quando manca soltanto l’atto finale del campionato, il club guidato da Alessia Russo si trova avanti alle rivali capitanate da Alexandra Agiurgiuculese, ma a dividerli sono poco più di tre punti (256.850 contro 253.000). Insomma, davvero nulla è deciso e per questo l’ultima tappa di Ferrara sarà ancora più affascinante da seguire fino alla fine.

Senza dimenticare la battaglia in Serie A2, del tutto aperta per centrare un obiettivo fondamentale: la promozione nella massima categoria per il prossimo campionato. Dopo tre giornate, la classifica generale vede in testa sempre la Virtus Giussano di Laura Solari con 223.800 punti, inseguita dalla Iris Giovinazzo di Marisa Stufano con 220.600 e dalla Gymnica '96 di Pamela Barberini a quota 213.450. Nella serie cadetta invece a dominare è l’Olimpia Senago (214,100), inseguita dalla Ginnastica Rimini (206,350) e dalla Ginnastica Valentia (203,700). Sarà una volata finale da vivere all’ultimo respiro e che tutti gli appassionati di ritmica potranno seguire in diretta e in esclusiva sulla piattaforma federale Volare Tv con la telecronaca di David Ciaralli e Marta Pagnini: sabato dalle ore 16 si inizierà con i verdetti della Serie A2 in un crescendo che porterà a chiudere i giochi in Serie A1 dalle 19.30 fino all’assegnazione dello scudetto.