Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L'obiettivo di Daiki Hashimoto (JPN) è molto chiaro: il neo olimpionico nel concorso generale di Tokyo2020 è arrivato ai Campionati iridati di Ginnastica Artistica di Kitakyushu solo per vincere. Non ha fatto gli 800 chilometri di viaggio dalla sua palestra di allenamento fuori Tokyo per partecipare, gareggiare o fare esperienza ma "semplicemente per diventare un campione mondiale”, ha dichiarato. La sua prima esperienza di questo calibro è stata quella di Stoccarda 2019 quando, a 18 anni, era il più giovane concorrente in gara, il primo liceale giapponese a far parte di una squadra mondiale in cinque anni.

Il debutto è stato promettente. Hashimoto ha aiutato il Giappone a guadagnare il bronzo a squadre, è arrivato quarto alla sbarra e tra i primi dieci al cavallo con maniglie. Ma era solo l’inizio. A Tokyo è diventato il più giovane campione olimpico maschile della storia. Ha festeggiato il suo ventesimo compleanno dieci giorni dopo la finale.

Come Mai Murakami, anche lui riconosce l'opportunità unica di avere, nello stesso anno, Giochi Olimpici e Campionati Mondiali nel proprio Paese. E mentre ambisce al titolo All-Around, è consapevole di condividere il palco con un nome illustre della Ginnastica: Kohei Uchimura (JPN), il suo idolo e il ginnasta che possiede più titoli mondiali assoluti di qualsiasi altro atleta nella storia. I due potrebbero incontrarsi nella finale alla sbarra, dove Hashimoto ha vinto il suo secondo oro a 5 Cerchi.

"È sempre un onore competere con Kohei Uchimura in qualsiasi tipo di competizione", ha detto Hashimoto, aggiungendo che non c'è rivalità tra i due. “Certo, siamo compagni di squadra, ma sono molto entusiasta di competere contro di lui ai Mondiali, il che significa che lotteremo per un oro! E sono anche molto emozionato perché la competizione si svolge nel nostro paese d'origine".

Quasi un decennio più giovane di Uchimura, Hashimoto è improvvisamente il nuovo volto della ginnastica giapponese e una delle sue stelle più brillanti.

Dal nostro inviato Federico Calabrò - foto Ricardo Bufolin