Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Andrea Consolini entra nella storia. Il traceur bresciano infatti è il primo tesserato FGI a vincere una medaglia in Coppa del Mondo nella disciplina del Parkour. Il talento de Le Aquile lab, seguito da Francesco Venturelli si è aggiudicato la medaglia di bronzo nella final six dello Speed con il tempo di 22.2, alle spalle dell’ucraino Bohdan Kolmakov, oro alla velocità di 21.26, e del messicano Alvarez Rodriguez, che dopo la delusione del legno nel freestyle, con 22.02 sale sulla piazza d’onore di Sofia. Purtroppo l’altro azzurro, Rosario Barile, resta fuori dalla sfida a sei per le medaglie. Il campione della Campania 2000 ha lottato come un leone ma un piccolo infortunio nella gara d’ammissione gli ha tarpato le ali, bloccandolo in semifinale con il nono tempo, 28.21. Grande la soddisfazione del Direttore Tecnico Nazionale Roberto Carminucci, che con Venturelli e Marco Bisciaio ha guidato questa prima trasferta vincente in World Cup. La Delegazione italiana PK all’esordio oltreconfine, e quindi in uno dei primi confronti con gli avversari stranieri, torna alla base con un risultato davvero incoraggiante per il prosieguo di questa sezione emergente. “Come debutto non è male – commentano in coro i ragazzi e il resto dello staff – la prossima volta vinciamo!”. A Mersin si è concluso anche il Challenge di artistica maschile. Niccolo Vannucchi con 13.950 (D. 5.80 E. 8.150) scala una posizione rispetto alle qualifiche e chiude sesto al corpo libero, in una sfida a otto vinta dal canadese Felix Dolci (14.850), davanti all’ucraino Illia Kovtun (14.400) e al connazionale William Emard (14.200). Migliora pure Tommaso De Vecchis che dalla settima piazza alle parallele sale al quinto posto con 13.900 (D. 5.50 E. 8.40). Il titolo turco sugli staggi pari va a Kovtun con 15.050. Seguono il russo, Viktor Kaliuzhin, argento a quota 14.350, e, staccato di un decimo, Henji Moyo, bronzo con 14.250. Ai piedi del podio davanti al campione della Ginnastica Salerno, troviamo Dolci con lo stesso punteggio dello svizzero, ma con una esecuzione di un soffio peggiore.

CLASSIFICA FINALE SPEED PARKOUR

CLASSIFICA FINALE CORPO LIBERO MAG

CLASSIFICA FINALE PARALLELE PARI