Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La Federazione Ginnastica d’Italia, decana delle federazioni sportive riconosciute dal CONI, sta per trasformare l’impianto sportivo di Cuccurano, alle porte di Fano, nella nuova Accademia Internazionale di Trampolino Elastico. La palestra di via Nazionale, gestita dall’Olympia del presidente Enrico Nicolelli, ha già ospitato diverse edizioni dei Campionati Italiani assoluti del tappeto elastico e diventerà un centro di eccellenza capace di attirare nel territorio marchigiano moltissimi praticanti di base e di vertice per la crescita complessiva del movimento, mantenendo anche le sue attività legate alla ritmica.

“Siamo grati all’amministrazione locale - ha commentato il presidente FGI Gherardo Tecchi, fanese doc e da sempre legato sportivamente alla sua città natia, non solo attraverso la ginnastica ma anche con pallavolo e vela - Mi complimento in particolare con il Sindaco Massimo Seri e con l’assessore allo sport Barbara Brunori che hanno dimostrato con i fatti e non a parole la vicinanza della politica alle attività olimpiche. Non si può esultare per i successi straordinari degli azzurri ai recenti Giochi di Tokyo senza dare poi la possibilità a chi verrà dopo di fare altrettanto, a cominciare da Parigi. So che nella struttura di Cuccurano si giocava anche a calcio a 5, ma di campi di calcetto ce ne sono tanti e il Comune ha già trovato una location alternativa, mentre non è facile reperire gli 11 metri di altezza indoor per praticare il trampolino. Di questa scelta si vedranno presto i frutti, speriamo già ai Mondiali in programma a Baku dal 18 al 21 novembre”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il Direttore Tecnico Nazionale della Sezione T.E. Giuseppe Cocciaro, che è anche il direttore sportivo dell’Alma Juventus Fano, altra realtà che sul trampolino ha investito moltissimo: “La creazione dell’Accademia per la Nazionale è una vera svolta - spiega il DTN federale - Il Trampolino Italiano ha mancato la qualificazione olimpica per due edizioni di fila, e questo anche a causa di una carenza strutturale a livello di impianti che non ci consente di crescere. Nel 2022 Rimini ospiterà la Coppa del Mondo e i Campionati d’Europa di Trampolino, abbiamo giovani molto promettenti che, allenandosi in un ambiente adeguato, potranno mostrare il proprio valore nella rassegna casalinga. Inoltre faremo diversi scambi tecnici con altre nazionali, portando sull’Adriatico delegazioni provenienti da ogni latitudine del pianeta, favorendo il turismo sportivo e lo sviluppo di tutto il comprensorio. Insomma Cuccurano diventerà un polo di riferimento della ginnastica internazionale come lo è Desio per la Ritmica o Brescia per la femminile”.

Alla sezione, che negli ultimi anni ha fatto registrare un notevole incremento di tesserati, frenato solo dall’emergenza Covid, manca davvero poco per esplodere definitivamente, come hanno dimostrato i recenti risultati agli Europei di Sochi, in Russia. “Fano diventerà la nuova casa del trampolino a livello olimpico – ha annunciato l’assessore Brunori, in una nota inviata oggi alla stampa - Questa notizia ha un valore incredibile e premia la strada che abbiamo intrapreso. Ringrazio il presidente Tecchi che ha dimostrato attaccamento alla sua città creando le condizioni affinché potessimo avviare il progetto dell’Accademia Internazionale. Si tratta di un punto di partenza che ci riempie di prestigio aprendoci degli orizzonti che dovremo cogliere in ambito sportivo e promozionale. Garantire l’attività sportiva alle ragazze e ai ragazzi – ha aggiunto l’assessore fanese - significa investire sul futuro attraverso un sistema educativo che sia riconosciuto e applicabile. Per questi motivi, l’Amministrazione ha sempre dimostrato e continuerà a dimostrare sensibilità e attenzione a tutte le società e a tutte le realtà che promuovono i valori fondanti dello sport, come solidarietà, lealtà, lavoro di squadra e rispetto degli altri”.