Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

"Siamo l'unica squadra che si allena e vive attorno a un centro federale tutte insieme per dieci mesi all'anno". Così, sul numero in edicola di Famiglia Cristiana Emanuela Maccarani, raggiunta durante il ritiro preolimpico a Follonica. Commissario tecnico dell'Italia della ritmica, alla sua sesta Olimpiade oggi è anche direttrice tecnica. In partenza per Tokyo racconta l'allenamento condotto durante questo anno e mezzo di pandemia: "Per noi, che in una bolla siamo un po' sempre, è stato forse meno traumatico il lockdown dovuto al Covid: l'albergo che ospita le ragazze della squadra in stanze singole, cambiato da poco, è rimasto aperto solo per loro anche tra febbraio e maggio 2020, consentendoci di non interrompere gli allenamenti". Le ragazze della ritmica, le "farfalle", le individualiste Alexandra Agiurgiuculese (20 anni) e Milena Baldassarri (19), più le cinque componenti della squadra, arriveranno in Giappone il 30 luglio e gareggeranno ai Giochi tra il 6 e l'8 agosto. In questo sport nel 2018 è cambiato il codice dei punteggi: "Il massimo non è più il 10, ma potenzialmente si sale all'infinito e, complice la riduzione delle gare internazionali a causa della pandemia, tutte le squadre hanno messo insieme esercizi irti di difficoltà, senza che però le giurie abbiano avuto molto tempo per dare uniformità all'interpretazione del nuovo codice", spiega la Maccarani che ha vissuto quattro volte da ct sul podio o appena giù: argento a squadre ad Atene 2004; bronzo a Londra 2012; legni beffardi da manciate di centesimi di punto a Pechino 2008 e Rio 2016. La medaglia mancata fa male e non ha problemi ad ammetterlo ma "la cosa importante, medaglia o no, sarà tornare con la certezza di aver fatto un esercizio d'alto livello, perché' ti lascia la consapevolezza di ciò che sai fare... Se poi saliremo sul podio naturalmente ne saremo felici" – conclude la Maccarani, entrata da poco a far parte della Giunta del Coni in rappresentanza ei tecnici. (la foto, scattata in occasione dell'incontro al Quirinale dell'Italia Team del Coni con il Capo dello Stato è di Simone Ferraro)