Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Parte oggi da Fiumicino la prima tranche di ginnasti impegnati con l’Italia Team del Coni ai Giochi Olimpici di Tokyo. Con il capogruppo Roberto Pentrella, Segretario generale FGI, ci sono le cinque ginnaste dell’artistica femminile – Vanessa Ferrari e Lara Mori (Esercito Italiano), Martina Maggio, Asie e Alice D’Amato (Fiamme Oro) – e i due della maschile – Ludovico Edalli e Marco Lodadio (Aeronautica Militare), con i rispettivi tecnici, il DTN GAF Enrico Casella, Monica Bergamelli e Marco Campodonico, Paolo Siviero e Luigi Rocchini, con il fisioterapista Salvatore Scintu. L’arrivo del volo Alitalia all'aeroporto di Haneda è previsto per le 12.35 del 17 luglio. Espletate le lunghe pratiche d’immigrazione, con tutti i protocolli anti Covid previsti dal COL, gli atleti saranno portati nel Villaggio Olimpico e da quel momento potrà dirsi ufficialmente iniziata la loro avventura a cinque cerchi. La seconda parte della delegazione ginnica, quella composta dalle farfalle della Ritmica, raggiungerà Tokyo il 30 luglio e nel frattempo, a pochi giorni dalla partenza, Daniela Mogurean festeggia oggi il suo ventesimo compleanno. Intanto l’'aumento dei contagi nel Sol Levante e alcune positività al nuovo Coronavirus riscontrate dagli organizzatori dei Giochi preoccupano Tokyo e il Cio. A circa una settimana dall'inizio delle Olimpiadi è stato reso noto che un atleta che si trova già in Giappone, del quale non è stata divulgata l’identità e nemmeno la nazionalità, è risultato positivo a un test effettuato. In più cinque operatori a lavoro presso gli impianti che ospiteranno le gare sono risultati positivi. Intanto, le autorità hanno diffuso i dati sul Covid-19 nel territorio nipponico: 1.149 i casi di positività, un numero che non si registrava da gennaio. Tutto ciò, secondo i media locali, porterà alla drastica decisione di consentire l'accesso alla Cerimonia di apertura allo stadio Olimpico di Tokyo a non più di mille spettatori, tra vip, organizzatori e dirigenti.