Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

A dieci giorni dalla cerimonia d'apertura, Discovery+ scalda i motori e svela la copertura per Tokyo2020. Nella presentazione condotta dal giornalista Zoran Filicic, l'amministratore delegato di Discovery Italia, Alessandro Araimo, ha fatto il punto sull'offerta del servizio introdotto per la manifestazione a cinque cerchi. "Per questa grandissima occasione la nostra piattaforma si metterà a disposizione dell'Olimpiade per servire pubblico e appassionati in ogni luogo e istante, dando un'esperienza unica e personalizzata: fino a 30 feed in contemporanea, 3.000 ore live sport, on demand e contenuti extra del team editoriale. Non c’è un palinsesto: sarà costruito da ognuno degli spettatori". Dello stesso avviso anche Luca Stacul, direttore di Eurosport Italia: "C'è un fuso importante tra Italia e Tokyo, per questo faremo in modo che ciascuno possa rivedere le gare come e quando vorrà. Saranno disponibili anche contenuti speciali". Si profila un'edizione da protagonista per la spedizione italiana, già da record con i 384 atleti qualificati. "Il mio cellulare nelle ultime 48 ore è stato travolto da messaggi dei colleghi del Cio internazionale che fanno i complimenti: l'immagine sportiva dell'Italia è straordinariamente alta - ha sottolineato con orgoglio il presidente del Coni, Giovanni Malagò - il Paese è desideroso di sport, è bramoso". Discovery, che per Tokyo2020 è all'interno di un sistema di partnership con TimVision, Fastweb, Dazn e Amazon e con Federica Pellegrini tra gli ambassador, potrà contare su una nutrita squadra di esperti al commento: da Rossano Galtarossa a Pino Maddaloni, passando per Roberta Vinci, Margherita Granbassi e Valentina Marchei che, assieme a tanti altri nomi di rilievo del panorama sportivo, racconteranno le grandi emozioni olimpiche. Per la ginnastica toccherà a tre ex ginnasti commentare l’artistica - Marcello Brancaccio, Ilaria Colombo e Alberto Busnari – mentre nella ritmica e nel trampolino elastico alla telecronaca di Ilaria Brugnotti si affincheranno le voci di Valentina Rovetta e Francesca Beltrami. Ma le olimpiadi si vedranno anche sulla Rai. Il servizio pubblico offrirà una copertura complessiva di 200 ore circa tramite digitale terreste e tivùsat. Non è invece prevista la disponibilità degli eventi su Rai Play né l'attivazione di Rai 4K. Al commento della Ginnastica avremo la voce storica delle nostre discipline olimpiche, Andrea Fusco, affiancato per l’occasione da due giganti che sul podio dell’Olimpo ci sono saliti: Marta Pagnini, bronzo con le Farfalle della Ritmica a Londra 2012 e capitano della squadra a Rio de Janeiro, e Igor Cassina, il punto esclamativo venuto dallo spazio, oro alla sbarra di Atene 2004. Sugli schermi di nessuna tv, infine, vedremo, purtroppo, le evoluzioni di Oleg Verniaiev. Il campione ucraino non potrà difendere a Tokyo il suo titolo nelle parallele conquistato a Rio. Ad annunciarlo è lo stesso ginnasta in un post su Instagram, rivelando di essere stato squalificato per 4 anni perché' positivo al meldonium. La sanzione, che scatta dallo scorso novembre, gli impedirebbe di partecipare anche a Parigi 2024 ma Verniaiev, che si proclama innocente, intende rivolgersi al Tas.