Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La seconda giornata dell’Egyptian Pharahos Cup ha completato il turno di qualificazione a Il Cairo, definendo la classifica all around. L’oro del National Council Sports Hall va alla Baldassarri con il totale di 99.85. La vera protagonista ieri è stata però l’altro aviere dell’Aeronautica Militare, Alexandra Agiurgiuculese, capace di rimontare la compagna arrivandole a meno di un punto, con il punteggio complessivo di 98.90. La ginnasta udinese di origini rumene ha vinto la sfida con la compagna sia alle clavette (26.30 contro il 25.85 della ravennate cresciuta nella Faber Fabriano), sia al nastro (24.05 contro 23.00), ma il complessivo raggiunto dalle due italiane selezionate dalla DTN Emanuela Maccarani sarebbe stato sufficiente, al netto delle giurie differenti, per star davanti alla bulgara Katrin Taseva agli Europei di Varna, immediatamente alle spalle delle migliori sei del continente. Bronzo per la russa Irina Annenkova con 98.20, mentre la terza azzurra, Eleonora Tagliabue ha chiuso in ottava posizione con 80.25, in un concorso generale che contava 20 atlete in rappresentanza di otto nazioni e quattro club. “Agiurgiuculese spaziale – ha commentato Elena Aliprandi, responsabile delle individualiste azzurre, impegnata in Egitto assieme a Julieta Cantaluppi e l’ufficiale di gara Irina Roudaia - Ha fatto clavette e nastro in maniera energica. Il pubblico è andato in fibrillazione per lei. C’era un’aria condizionata molto forte che faceva impazzire i nastri, visto il caldo, ma Alex è riuscita a controllare l’attrezzo. Solo un piccolo impiccio ma è stata bravissima a liberarsene, tra l’altro cambiando il maneggio sulla difficoltà successiva. Anche Milena bene, meno trattenuta di ieri, malgrado una piccola perdita alle clevette e qualche imprecisione al nastro. Domani le aspetta il programma in completo, visto che sono entrate entrambe in tutte le finali di specialità, quindi potranno riprovare le loro routine. Eleonora ha ottenuto un buon piazzamento, nonostante un nodo che con un po’ d’esperienza in più avrebbe saputo gestire meglio. Ha tempo per imparare e questa trasferta accanto alle due stelle del quadriennio se la ritroverà in futuro”.

CLASSIFICA ALL AROUND