Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L’attesa è finalmente terminata. Le Farfalle azzurre della Squadra Nazionale di Ritmica tornano in pedana, in una competizione internazionale in presenza dal 2019, dopo l’infinito stop a causa della pandemia mondiale. Gli incontri online, seppur propedeutici per la preparazione degli esercizi che vedremo ai Giochi Olimpici di Tokyo, non possono sostituire l’emozione di ricominciare a confrontarsi dal vivo con le rivali che affronteranno proprio in Giappone (dalla Russia alle padrone di casa dell’Azerbaijan), con le due composizioni alle cinque palle e al misto con tre cerchi e quattro clavette. Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Martina Santandrea, Agnese Duranti, Daniela Mogurean e Laura Paris: questa la squadra scelta dell’allenatrice e Direttrice Tecnica Nazionale Emanuela Maccarani per la prima World Cup delle Farfalle nel 2021, che si svolgerà alla National Gymnastics Arena di Baku, in Azerbaijan, dal 7 al 9 maggio, con le finali di specialità in diretta dalle ore 10:00 su La7d e in streaming su La7.it. Sarà uno snodo fondamentale sulla Road to Pesaro 2021, penultimo appuntamento prima della finalissima nella città di Rossini, in scena dal 28 al 30 maggio alla Vitrifrigo Arena, che toccherà il suo apice, sempre di domenica, con le finali in diretta sulla rete ammiraglia La7. Protagoniste nella Coppa del Mondo azera, oltre alle Farfalle, saranno anche le due individualiste della Nazionale, gli avieri dell’Aeronautica Militare Milena Baldassarri e Alexandra Agiurgiuculese. La cinque volte campionessa d’Italia, fresca dell’ultimo scudetto conquistato nella Final Six al Pala Gianni Asti di Torino dello scorso 24 aprile con la Ginnastica Fabriano, era già tornata in campo internazionale nella World Cup di Sofia per rodare il proprio programma di gara sui quattro attrezzi. Il capitano dell’Udinese, che ha chiuso invece il campionato di Serie A sul secondo gradino del podio, dopo l’esperienza e la pioggia di medaglie dello scorso weekend nel Torneo di Belgrado (cinque ori, tra concorso generale e finali per attrezzo), è pronta per la sua prima Coppa del Mondo della stagione e, anche lei, all’esordio dal 2019. Non ci saranno le gemelle russe Dina e Arina Averina, ma non mancheranno tante big come l’israeliana Linoy Ashram, le bielorusse Alina Harnasko e Katsiaryna Halkina, le bulgare Katrina Taseva e Boryana Kaleyn. La delegazione italiana, partita ieri alla volta di Baku, è completata dalle tecniche delle individualiste, Julieta Cantaluppi e Spela Dragas, dalle allenatrici della squadra Emanuela Maccarani - DTN dell’intera sezione dei piccoli attrezzi, capo della spedizione azera e delegata dal presidente FGI Gherardo Tecchi - e Olga Tishina, dalle due ufficiali di gara Emanuela Agnolucci e Maria Isabella Zunino Reggio, e dai fisioterapisti Alessandro Calcinaro e Simone Gallo. L’appello è rivolto a tutti gli appassionati di ginnastica e amanti dello sport: tutti incollati alla televisione (o al pc, tablet e smartphone!) domenica, a partire dalle ore 10 in punto, per fare il tifo per le nostre azzurre e regalare loro i meritati ascolti sul canale generalista del gruppo Cairo Communication.