Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Dall’ipotesi del dott. Calligaris - componente della Federazione Medico Sportiva italiana - secondo cui ridere sia un criterio utile per la formazione psicofisica dell’atleta di vertice e dello sportivo in generale, alle ultime applicazioni con lo “Yoga della risata”. Questo sarà il filo conduttore del Master nazionale di Ginnastica per Tutti, tenuto da Paolo Ricci e organizzato in video conferenza per il 28 marzo 2021. L’incontro ha lo scopo di portare un messaggio che possa risvegliare, ove si fosse sopita, una delle caratteristiche fondamentali ed imprescindibili della vita sportiva: la gioia. Una performance sportiva vissuta dall’inizio alla fine con un substrato emotivo di gioia, diventa un valore aggiunto alla già esistente motivazione presente negli atleti. Lo strumento che impareremo a conoscere meglio è quello della “Risata incondizionata”. Accedere a questa tipologia di risata prevede un allenamento psicofisico alla portata di tutti. Sono previsti diversi momenti divertenti di pratica, seppur online. La risata verrà presentata come esercizio fisico atto a depurare il corpo da tutte le tossine e scorie metaboliche che altrimenti risulterebbero da ostacolo al buon funzionamento dei miliardi di cellule muscolari e nervose. La risata come strumento di connessione con il proprio io interiore, con i compagni di squadra e con i propri allenatori. Un utensile aggiuntivo da tenere ben in vista nella cassetta personale degli attrezzi, che ogni ginnasta dovrebbe avere in dotazione e a cui poter attingere con naturalezza. L’obiettivo principale a cui punteremo nel corso di questo interessante incontro sarà, necessariamente, l’atleta. Non verranno tralasciati spunti di riflessione personali da parte degli allenatori, coinvolgendoli nell’accogliere, seppur con modalità differenti, il messaggio di gioia che si cela nella risata.