Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

A seguito del recente DPCM 14 gennaio 2021 il Segretario Generale del C.O.N.I., in data 20 gennaio, ha richiesto alle Federazioni di trasmettere l’elenco di gare da considerare di preminente interesse nazionale aggiornato al 15/04/2021 da pubblicare sul sito istituzionale del C.O.N.I. al fine di garantire la regolare continuità degli eventi anche in previsione delle successive disposizioni normative. La F.G.I. ha inviato al C.O.N.I. nella giornata del 22 gennaio 2021 l’elenco richiesto che comprende tutte le competizioni previste dai Calendari Agonistici fino al 15 aprile 2021 e che sarà rintracciabile sul sito del C.O.N.I., nella sezione “Speciale Covid 19”.

Si raccomanda a tutte le Affiliate i cui atleti saranno impegnati nelle gare incluse nel periodo che ci separa dal prossimo 15 aprile 2021 di avere sempre disponibili in occasione di tali competizioni le copie dei certificati medici di idoneità agonistica dei propri atleti partecipanti. Si sottolinea che il DPCM 14 gennaio conferma che la vigilanza sul rispetto delle suddette disposizioni sono affidate al C.O.N.I. ed al C.I.P.

Si intende inoltre chiarire ancora una volta che gli atleti che non hanno compiuto gli otto anni e comunque tutti coloro non tesserati come atleti agonisti e/o non in possesso di specifico certificato medico di idoneità all’attività agonistica, debbono intendersi come non autorizzati a proseguire gli allenamenti. In caso di mancato rispetto della disposizione e considerata la diretta responsabilità del legale rappresentante dell’Affiliata, la F.G.I. provvederà al deferimento agli Organi di Giustizia Federale per il legale rappresentante dell’Affiliata e per i Tecnici che dovessero aver condotto tali sedute di allenamento. Inoltre l’eventuale inosservanza di tale disposizione renderebbe, in caso di infortunio, non sostenibili le garanzie assicurative previste.