Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L’Epifania, si sa, tutte le feste si porta via. E speriamo che con esse se ne vadano anche i contagi e le preoccupazioni. I festoni natalizi lasciano, dunque, il posto a propositi e progetti. Così, con una premessa grande quanto una casa, ossia Covid permettendo, proviamo a mettere a fuoco gli appuntamenti principali della nuova stagione. In campo internazionale il 2021 si preannuncia come un passaggio storico, in quanto, salvo rare eccezioni, nel 1992 e nel 1996, mai era accaduto che i Giochi Olimpici, in programma dal 24 luglio al 9 agosto, e i Mondiali di Artistica, maschile e femminile, Ritmica e Trampolino si disputassero nello stesso anno. Se poi ci aggiungiamo le rassegne iridate di Aerobica a Baku, in Azerbaijan (27/29 maggio), di Acrobatica a Ginevra, in Svizzera (18/20 giugno) e di Parkour a Hiroshima, in Giappone (26/28 marzo), tutte ereditate dal 2020, il piatto degli eventi si fa più ricco che mai. Vista l’emergenza e il forfait d Copenaghen che avrebbe dovuto ospitare la 50esima edizione dei Campionati del Mondo di Artistica, le rassegne iridate dei piccoli e grandi attrezzi, ecco un’altra succulenta novità, si disputeranno insieme, a Kitakyushu, nel Sol Levante, dal 18 al 24 ottobre per l’artistica e, a seguire, dal 27 al 31 ottobre per la ritmica (le date sono da confermare). Per il tappeto elastico, invece, si torna sulle rive del Caspio, a Baku, dall’11 al 14 novembre. E non finisce qui, perché ci sono poi gli Europei, taluni qualificanti per Tokyo - come quelli maschili e femminili di Basilea (21/25 aprile), la kermesse GR di Varna, in Bulgaria (9-13 giugno) e il Trampolino a Sochi in Russia dal 29 aprile al 2 maggio - e altri no, ma comunque molto importanti, soprattutto per noi italiani, in quanto si svolgono nel nostro paese. Pesaro, infatti, ospiterà la manifestazione continentale dell’Aerobica dal 24 al 26 settembre e dell’Acrobatica dal 6 al 10 ottobre. Ci sono infine i circuiti di World Cup, e anche qui, in alcuni si assegnano pass olimpici. Gli All-Around GAM e GAF di Stoccarda, in Germania (20/21 marzo), di Birmingham, nel Regno Unito (27 marzo) e di Tokyo (4 maggio), considerato dalla FIG il Test Event ufficiale dei Giochi, chiuderanno il ciclo inaugurato a Milwaukee, negli States, lo scorso marzo, prima della Pandemia. Il percorso biennale della Coppa di specialità, iniziato a Cottbus nell’ormai lontano 2018, si conclude a Doha, in Qatar (10/13 marzo) con il derby italiano sulla pedana del corpo libero tra Lara Mori e Vanessa Ferrari. Su un’altra pedana, quella della Ritmica, i biglietti a cinque cerchi si staccheranno al termine del mini torneo di Coppa spalmato su quattro giornate, tra Sofia, in Bulgaria (9/11 aprile), Tashkent, in Uzbekistan (16/18 aprile), Baku (7/9 maggio) e la Vitrifrigo Arena di Pesaro. La città di Rossini, completerà il ciclo in una sorta di check in, dal 28 al 30 maggio, per volare in Giappone. Le azzurre, già qualificate, avranno un’occasione d’oro per mostrare, senza stress, le proprie qualità, magari facendo risuonare un Inno di Mameli benaugurante per la campagna estiva d’Oriente. Il 44° Turnier der Meister torna a Cottbus, in una collocazione insolita, dal 25 al 28 febbraio per aprire il quadriennio di Parigi 2024, insieme alle Challenge Cup, competizioni targate FIG che però non hanno il pedigree del CIO. Ciò non toglie che tra Varna, Il Cairo, Osijek, Mersin e Koper nell’artistica, Cluj Napoca, Minsk e Mosca nella ritmica, ci sarà comunque da divertirsi con la grande ginnastica. Al contrario sarà decisiva nel Trampolino Elastico la tappa di Brescia del 23 e 24 aprile, l’ultimo treno di Flavio Cannone sulla road to Tokyo, per inseguire la sua quarta partecipazione olimpica. In ogni caso, se quel treno dovesse sfuggirgli, la palestra San Filippo sarebbe l’ultima stazione dove tributare la degna standig ovation al quarantenne campione bresciano. Cancellati purtroppo sia l’European Gym For Life sia l’Eurogym che si sarebbero dovuti tenere nel prossimo luglio, a Reykjavik, in Islanda, resiste nella Sezione Gymnastics for All, il Golden Age Gym Festival, atteso a Rethymno in Grecia dal 3 all’8 ottobre, mentre siamo ancora in attesa della data e della location della 13esima edizione continentale del TeamGym. Il forfait della Danimarca ha lasciato la casella vuota e Losanna spera di trovare presto un nuovo comitato organizzatore. Dal 19 al 29 agosto la Cina apre alle Universiadi che ancora brillano del fulgore napoletano. La speranza è che lì dove tutto ebbe inizio, ma ci auguriamo anche prima, si possa tornare ad abbracciarsi, con il pubblico sugli spalti, sfogliando margherite di incontri agonistici nel quadriennio eccezionale delle due Olimpiadi.

CALENDARIO INTERNAZIONALE 2021