Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il Parkour protagonista al prossimo Festival dello Sport di Trento? Tutto vero. La nazionale azzurra, durante il raduno collegiale a Cles, questa estate, ha girando una serie di interviste e piccoli tutorial che saranno trasmessi in occasione della grande kermesse della Gazzetta, dal 9 all’11 ottobre. E la sigla dell’evento mediatico più atteso dell’anno? L’hanno realizzata le Farfalle della Squadra Nazionale di Ritmica, pensate, nella splendida cornice di piazza del Duomo a Trento. Alessia Maurelli e compagne saranno anche tra gli ospiti d’onore, insieme ai più grandi campioni dello Sport italiano e internazionale. Per l’artistica un trio d’eccezione, Jury Chechi, Igor Cassina e Marco Lodadio, chiamati a rappresentare la ginnastica in una edizione destinata a rimanere nella storia. Il Festival dello Sport 2020, organizzato da La Gazzetta dello Sport e da Trentino Marketing, con la collaborazione di Provincia Autonoma di Trento, Comune di Trento, Apt di Trento e con il patrocinio del Coni e del Comitato Italiano Paralimpico, si svolgerà infatti in formato digilive, con il titolo "We are the champions". Una non-stop di 3 giorni con oltre 60 eventi: in totale, saranno più di cento gli invitati del mondo dello sport in quasi ogni sua disciplina sui palchi reali e virtuali di Milano, del Trentino e non solo. "In quest'anno così particolare 'Il Festival dello Sport' poteva sembrare una corsa a ostacoli, ma abbiamo fatto il miracolo, grazie alla forza trascinante delle edizioni passate e all'impegno di Gianni Valenti e di tutti gli organizzatori – ha detto il presidente di Rcs MediaGroup Urbano Cairo - Avremo con noi tanti grandi campioni per un'edizione virtualmente senza confini e aperta all'intero popolo sportivo, che potrà seguire online in numero molto maggiore i suoi campioni e vivere le emozioni di queste giornate". "A Trento, grazie al Festival si è riusciti a creare una vicinanza tra il pubblico e i grandi campioni come in nessun altro evento sportivo", dichiara Maurizio Fugatti, presidente della Provincia autonoma di Trento. "Nella fase attuale dell'emergenza non sarebbe stato possibile mantenere tutto questo, a causa dei forti assembramenti che si sarebbero venuti a creare e che le disposizioni in vigore puntano a evitare. Il nostro impegno e il nostro entusiasmo permangono anche in questa edizione, per dare continuità, a fianco de La Gazzetta dello Sport, allo spirito di questo bellissimo Festival e per trovarci pronti e concentrati per l'edizione del 2021 che tornerà al suo format classico, a Trento". "Abbiamo raccolto la sfida che ci pongono le oggettive difficoltà del momento - dichiara Gianni Valenti vicedirettore vicario de La Gazzetta dello Sport e direttore scientifico de Il Festival dello Sport - e non abbiamo rinunciato all'ambizione di organizzare un festival straordinario per contenuti e ospiti. We are the Champions offrirà a tutti gli sportivi un programma che non ha nulla da invidiare ai record e ai fenomeni delle scorse edizioni. E riusciremo a garantire eventi in presenza e interlocuzione tra spettatori e campioni". "Dopo due edizioni segnate da una straordinaria partecipazione e da un forte coinvolgimento del pubblico - dichiara Maurizio Rossini, Ceo di Trentino Marketing, official partner anche della FGI - il Festival dello Sport quest'anno non presidia fisicamente gli spazi tradizionali nel cuore di Trento. Il Trentino è però molto presente anche in questa edizione DigiLive". In diretta streaming o in presenza negli incontri aperti al pubblico, che si svolgeranno al Teatro Strehler di Milano e nella Sala Buzzati di RCS MediaGroup con tutte le restrizioni e le regole sanitarie vigenti, si alterneranno sportivi e autorità. Tra quest’ultime il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora e Giovanni Malagò' Presidente del Coni.