Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Seconda ai Giochi Olimpici di Atene, in una squadra leggendaria composta da Elisa Blanchi, Fabrizia D'Ottavio, Marinella Falca, Elisa Santoni e Laura Vernizzi, tre volte iridata - una con i cerchi e le clavette a Baku e due negli All around di Miè e Mosca con il contributo anche di Laurito, Galtarossa e Savrajuk - Daniela Masseroni è stata e resterà per sempre una delle Farfalle d’argento di Emanuela Maccarani. Ritiratasi nel 2011, oggi è mamma di Leonardo, avuto nel settembre scorso (“ho seguito i mondiali di Baku dal letto d’ospedale”, ci tiene a precisare), è felicemente sposata con Gianluca, anche lui un campione del basket, e collabora con la sua società d’origine, l’Orobica di Bergamo. Ecco, proprio la città che è stata maggiormente colpita dall’emergenza epidemiologica. E in questi giorni di graduale riapertura e apparente attenuazione della virulenza del Covid-19 la giornalista Ilaria Brugnotti ha intervistato, per conto della Federazione Ginnastica d’Italia, uno dei simboli più luminosi dello sport bergamasco, nata a Trescore Balneario, a 15 chilometri dal capoluogo orobico. Con Daniela, per non dimenticare i tanti concittadini scomparsi e l'impegno straordinario degli operatori sanitari, abbiamo parlato del difficile presente di una città meravigliosa che rimarrà per sempre nei cuori di tutti noi e di un passato ginnico nel quale il “mola mia” era la prerogativa principale di un gruppo che rimarrà per sempre nella storia sportiva italiana.