Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Dal 18 al 24 maggio è disponibile su DAZN la seconda stagione di FATE#RTT2020. Due puntate al giorno fino a venerdì e poi nel week end tutte e 10 le nuove puntate disponibili e on demand. E, considerato il successo della prima stagione della webserie federale prodotta da Ginnastica Artistica Italiana, rimarranno on line fino alla fine del mese anche i primi 10 episodi. Oggi abbiamo chiesto un parere ad una delle protagoniste della docu-fiction creata da Silvia Vatteroni e prodotta dalla testata giornalistica Ginnastica Artistica Italiana, Alice D’Amato, bronzo alle parallele agli Europei di Stettino e bronzo a Squadre ai Mondiali di Stoccarda. “Rivedendomi su DAZN nelle due stagioni della web serie Fate devo dire che sono cambiata tanto, adesso sono più grande, ma l’unica cosa che non è cambiato nel corso degli anni è proprio l’obiettivo, ossia l’hashtag #RTT2020. Il rinvio di Tokyo al 2021? la notizia ci ha lasciate a bocca aperta. All’inizio eravamo dispiaciute ma poi abbiamo compreso che con un altro anno a disposizione possiamo prepararci meglio. Lo scopo è quello di aumentare il valore di partenza dei nostri esercizi e quindi migliorarli in vista degli appuntamenti della prossima stagione. Per quanto riguarda il Covid-19 nessuno si sarebbe aspettato tutto questo. Gli infortuni in passato mi hanno aiutato a maturare anche più delle gare e degli allenamenti, quindi credo che questo stop collettivo possa essere un momento di ulteriore crescita. Il rapporto con le mie compagne si è evoluto nel tempo e adesso posso affermare che siamo come sorelle. Il lockdown è stato faticoso perché siamo state lontane da casa due mesi e in più non ci potevamo allenare. Le avversità ci hanno dato la carica e soprattutto la voglia di andare avanti”.