Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Ci ha lasciato ieri la professoressa Marisa Aparo, uno dei miti della ginnastica ritmica italiana che, insieme a lei, perde un altro pezzo della sua gloriosa e antica storia. Enza, come tutti la chiamavano e lei stessa si presentava, era nata il 12 settembre del 1935 e da poco aveva compiuto 84 anni. Si formò all’ISEF grazie alla sapienza della professoressa Andreina Sacco Gotta, la sua carriera è stata lunghissima e costellata da tante soddisfazioni. Fu docente all’ISEF, autrice di diversi libri sulla ginnastica, “madre” sportiva di una generazione di tecniche dei piccoli attrezzi e giudice internazionale. Prima responsabile delle individualiste della Nazionale, ha cresciuto – tra le altre – ginnaste di livello internazionale come Emanuela Agnolucci, Maria Isabella Zunino Reggio e Maria Cristina Cammelli, scegliendo come sue assistenti Marina Piazza e Daniela Delle Chiaie. Indimenticabile il ricordo nella società che lei stessa fondò, la Sport ’85 poi diventata Sport Giovane. I funerali si sono tenuti quest’oggi a Fiuggi, con l’abbraccio di chi l’ha conosciuta e amata. Il Presidente Nazionale Gherardo Tecchi si stringe al dolore della famiglia, anche a nome del Consiglio Direttivo Federale e di tutto il movimento.