Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si sono svolte nel primo pomeriggio le esequie di Bruno Grandi. Tante le autorità accorse per tributare l’estremo saluto al Presidente Onorario della FIG, per 24 anni a capo della Federazione Ginnastica d’Italia. Con l’attuale numero uno Gherardo Tecchi, ieri alla camera ardente, presso il Salone Comunale, sono accorsi il Presidente del Coni Giovanni Malagò, il membro del Cio Franco Carraro e il membro onorario Mario Pescante, il Presidente della Federazione Mondiale di Ginnastica Morinari Watanabe. Oggi invece alla Chiesa di San Giovanni Apostolo in via Angeloni, a Forlì, erano in tantissimi. Il Cav. Tecchi, il suo predecessore Riccardo Agabio, che a sua volta raccolse il testimone proprio dal dirigente forlivese, il Consiglio Direttivo Federale, i due Vice Presidenti Valter Peroni e Rosario Pitton, il Segretario Generale Roberto Pentrella e tutto quel mondo della Ginnastica Italiana che deve moltissimo al lavoro di Grandi, i suoi amici, gli ex alunni, i collaboratori, gli atleti delle sue Nazionali, colleghi, compagni di squadra, il Sindaco Gian Luca Zattini, il Segretario Generale che lo ha affiancato a Losanna, André Gueisbuhler, il suo successore Nicolas Buonpane, e quello del Comitato Olimpico Italiano Carlo Mornati, i giornalisti Marino Bartoletti e Paolo Francia, si sono stretti nel dolore per la perdita di un monumento dello sport in generale e della ginnastica in particolare, testimoniando alla famiglia - dalla moglie Franca ai tre figli, con i tanti nipoti per i quali era semplicemente nonno Bruno - attraverso i rispettivi interventi pubblici o comunicazioni private e personali, l’affetto dell’intero movimento. Un uomo, Bruno Grandi, i cui meriti hanno travalicato i nostri confini, come dimostrano gli innumerevoli messaggi di cordoglio giunti da ogni latitudine. Ginnasta, tecnico, giudice, dirigente sportivo, per tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e lavorarci insieme, resterà per sempre, semplicemente, "il professore". La Federginnastica, nel giorno del suo addio, ha pensato che lasciare a Bruno l'ultima parola fosse il modo più bello per dirgli ciao. Ecco quindi una delle sue più recenti interviste, quella realizzata nel giugno scorso dal giornalista David Ciaralli per la celebrazione dei 150 anni della FGI. Il documentario inedito ed esclusivo per Volare TV – ormai un vero e proprio testamento spirituale e un patrimonio di ricordi dal valore inestimabile - ripercorre la storia moderna della Ginnastica, e non solo, dal dopoguerra al terzo millennio, attraverso le parole di uno dei suoi più autorevoli interpreti. Ciao Bruno!

Foto di Cristiano Frasca