Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La Federazione Internazionale di Ginnastica ha compiuto un passo importante rafforzando le proprie regole per combattere qualsivoglia forma di abuso o cattiva condotta nello sport. Il comitato esecutivo della FIG - riunitosi a Losanna dal 28 febbraio al 1° marzo - ha adottato nuove "Politiche e procedure per la salvaguardia e la protezione dei partecipanti della ginnastica". Le stesse sono basate sulla premessa che "ogni organizzazione sportiva ha la responsabilità di promuovere un ambiente sano e rispettoso in cui gli atleti possano allenarsi senza essere molestati, aggrediti o abusati". Tali documenti di riferimento intendono fornire a tutte le federazioni le linee guida per aiutarle a identificare e rispondere a eventuali casi di molestie, aggressioni e cattiva condotta. Il comitato esecutivo dunque approvato l'istituzione di una "Fondazione per l'etica". Una nuova entità indipendente dalle autorità della Federazione Internazionale che dovrà affrontare qualsiasi problema relativo all'etica, alla cattiva condotta, all'aggressione o ad altre violazioni delle regole interpellando le autorità legali competenti e offrendo supporto a coloro che sono interessati da tali incidenti. Sarà divisa in quattro sezioni: un gruppo di sicurezza e protezione, un comitato per la conformità, una commissione disciplinare e un tribunale d'appello. I dettagli di questa nuova struttura saranno finalizzati prima del prossimo congresso FIG che si terrà a Baku nel dicembre 2018.

Fonte ©FIG