Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si conclude tra sorrisi e soddisfazione l'edizione azera dell'EYOF per la spedizione italiana di Ginnastica Artistica Junior maschile e femminile che ha preso parte all'European Youth Olimpic Festival di Baku tra il 23 e il 27 luglio. Si conclude con la giusta rivincita per un talento cristallino come quello del giovane Ivan Brunello, che giovedì aveva sfiorato di tre decimi il podio nella finale All Around dopo un programma di alto livello per un ginnasta junior. Il classe 2002 in forza all'Ares si è tolto la splendida soddisfazione, nella seconda giornata delle finali di specialità alla National Gymnastics Arena, di salire in cattedra e riportare in Italia la medaglia di bronzo alla sbarra con il punteggio di 13.200 a un decimo e mezzo di distanza dall'oro dell'ucraino Illia Kovtun (13.366 punti). Nella stessa finale, l'altro italiano Lorenzo Bonicelli ha chiuso in sesta posizione, con una prestazione che è valsa il punteggio di 12.800, comunque a quattro decimi dal podio del compagno. L'atleta della Ghislanzoni Gal, ieri impegnato al cavallo con maniglie e prima ancora nella finale All Around, saluta con il sorriso la sua esperienza azera. Il Direttore Tecnico Nazionale della maschile Giuseppe Cocciaro, nonché capodelegazione accompagnato in Azerbaijan dalla tecnica degli azzurrini Pamela Cauli, ha espresso tutta la sua soddisfazione direttamente da Baku: “E' una bellissima medaglia perché eravamo dispiaciuti del quarto posto al recente Mondiale Junior di Gyor per nove millesimi. Brunello ha fatto davvero una grande gara – ha detto il DTN – un esercizio strepitoso. Come risultato finale sono arrivate due medaglie di bronzo, questa di Ivan e della squadra nella Team Competition insieme a Lorenzo Casali: sicuramente ci proiettano in alto e ci fanno capire che possiamo e dobbiamo fare ancora di più. Intanto ci godiamo questi successi e vedremo nel prossimo futuro, questi ragazzi ci daranno altre gioie, già dal Campionato Europeo del prossimo maggio sempre qui a Baku”.

Non è stata da meno la Femminile di Artistica, con Veronica Mandriota e Micol Minotti impegnate nelle due finali al corpo libero e alla trave. Entrambe le ginnaste, pur non arrivando a medaglia, sono state protagoniste di ottime prestazioni. Micol, dal Centro Sport Bollate, ha chiuso al 5° posto l'esercizio al corpo libero con il punteggio di 12.933 a mezzo punto dal podio. Veronica, in forza alla Brixia, si è piazzata settima con un 12.766 non distante dalla compagna di Nazionale. Alla trave, invece le posizioni si invertono con Mandriota che chiude al quinto posto e Minotti a seguirla immediatamente dopo in classifica con 12.633. “Hanno fatto il loro, si sono comportate molto bene e hanno fatto una bella esperienza – ha raccontato alla Federginnastica il tecnico delle azzurrine Marco CampodonicoMandriota è una classe 2005 quindi sarà junior anche l'anno prossimo. Il bilancio comunque è positivo, abbiamo centrato un quarto posto nella Team Competition insieme a Chiara Vincenzi ed eravamo in tre finali: siamo soddisfatti e complimenti alla Maschile”.

Di Giorgia Baldinacci

Finale Sbarra - GAM

Finale Corpo libero - GAF

Finale Trave - GAF