Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Dopo la finale All Around maschile, che ha visto Ivan Brunello sfiorare di tre decimi il podio, nel pomeriggio è stato il turno delle due azzurrine Micol Minotti e Veronica Mandriota, impegnate insieme a Chiara Vincenzi nell’EYOF di Baku in Azerbaijan accompagnate dal tecnico Marco Campodonico. Nell’ultimo atto del concorso generale, il miglior risultato è stato della ginnasta del Centro Sport Bollate, che si è piazzata sesta tra le migliori 24 rivali qualificate per la finalissima. La Minotti ha messo insieme il punteggio di 51.100 sui quattro attrezzi, ad appena un punto dalla romena Ioana-Andreea Stanciulescu e dalla francese Alizee Letrange-Mouakit (entrambe a 52.100). L’altra italiana impegnata nell’All Around, la ginnasta della Brixia Mandriota, ha chiuso invece all’11° posto in classifica con 50.250 punti, in realtà piuttosto vicina alla compagna di Nazionale. Infatti, c’è da dire che le distanze nella top ten generale di questo European Youth Olimpic Festival sono state ristrettissime: ballano appena due punti tra il terzo posto della russa Iana Vorona (52.550) e il decimo dell’ungherese Mirtill Makovits (50.300). Come i compagni della Maschile, anche le azzurrine dell’Italbaby saranno impegnate, tra domani e sabato alla National Gymnastics Arena, in cinque finali di specialità: Veronica si è qualificata al volteggio, alla trave e al corpo libero e, in questi ultimi due attrezzi, rivedremo in campo gara anche Micol.