Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Tocca all’Italbaby femminile di Artistica, nella seconda giornata degli EYOF in scena a Baku in Azerbaijan, rispondere alla squadra azzurra maschile che proprio ieri – all’esordio nell’European Youth Olimpic Festival – ha conquistato una splendida medaglia di bronzo nella Team Competition. Il gruppo junior composto da Veronica Mandriota (Brixia), Chiara Vincenzi (Inside Wellness Gym) e Micol Minotti (Centro Sport Bollate) ha fatto del proprio meglio ma si è fermato ai piedi del podio con il totale di 102.850. Una medaglia di legno amara perché il terzo posto, conquistato dalla Gran Bretagna (103.850), è distante un solo punto. Vittoria della Russia nella Team Competition (totale di 108.050), piazza d’onore per la Romania (106.800). Ottimi risultati sono arrivati anche dal punto di vista individuale. Infatti, Mandriota e Minotti hanno strappato il pass di accesso per la finale All Around rispettivamente con il sesto (51.300) e il decimo punteggio (50.700). Inoltre, la ginnasta della Brixia si è qualificata per tre finali di specialità: al volteggio, alla trave e al corpo libero. In questi ultimi due attrezzi, rivedremo in campo gara anche la collega in forza al Centro Sport Bollate.

La giornata di domani sarà appunto dedicata alla finale del concorso generale, sia maschile che femminile. Alla National Gymnastics Arena torneranno a gareggiare gli azzurrini Brunello e Bonicelli oltre che, appunto, Mandriota e Minotti. Continua così l’ottimo percorso della spedizione italiana, guidata dal capodelegazione nonché dal Direttore Tecnico Nazionale della maschile Giuseppe Cocciaro e accompagnata dai tecnici della maschile Pamela Cauli e della femminile Marco Campodonico, che ha tanta voglia di togliersi belle soddisfazioni nel tempio della ginnastica a Baku.