Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Anche quest’anno sono andati in scena i Gazzetta Sport Awards, l’Oscar sportivo che la Rosea assegna ai migliori interpreti della stagione. All’evento ha preso parte Valter Peroni, il Vice Presidente Vicario della Federginnastica, in rappresentanza del numero uno della FGI, il Cav. Gherardo Tecchi, impegnato a Pescara per il 150/o del Comitato Regionale Abruzzo e Molise. L’Artistica azzurra aveva in nomination due suoi protagonisti: Giorgia Villa, bronzo a squadre ai Mondiali di Stoccarda, nella categoria “promessa dell’anno” e Marco Lodadio, argento agli anelli, sempre nella rassegna tedesca dell’ottobre scorso, nella categoria “best performance”. Purtroppo nè l’una, nè l’altro sono riusciti ad aggiudicarsi l’ambito riconoscimento, andato, rispettivamente, alla nuotatrice quattordicenne Benedetta Pilato e alla rivelazione del Tennis italiano Jannik Sinner. Presente alla serata di gala, condotta da Geppi Cucciari, anche Marta Pagnini, Farfalla di bronzo a Londra 2012 ed oggi collaboratrice nella DMTC di Marco Del Checcolo, la società di management sportivo che segue tra gli altri atleti Federica Pellegrini, donna dell’anno, e la stessa Villa. Particolarmente applauditi gli interventi di Sinisa Mihajlović, Roberto Mancini, Charles Leclerc, Matteo Berrettini, Simone Barlaam e del settebello di pallanuoto, tutti vincitori nelle rispettive categorie. Peroni, prima dell’inizio dello show (la sintesi in differita verrà trasmessa lunedì 23 alle ore 23:00 su La7) ha portato i saluti del mondo della Ginnastica al Presidente del CONI Giovanni Malagò, ad Urbano Cairo, editore del gruppo RCS, al direttore della Gazza Andrea Monti e all’assessore allo sport del Comune di Milano Roberta Guaineri.