Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Vanessa Ferrari si è dunque fermata ai box per un controllo ed una rimessa a punto . Una sistematina al telaio di una Formula Uno (parlando di Ferrari l’accostamento ci sta) che necessitava di qualche ritocco in vista della nuova stagione e dei prossimi appuntamenti in autunno. Ieri pomeriggio l’ex campionessa del mondo si è sottoposta a Pavia ad una doppia operazione alle due caviglie, programmate da tempo e che saranno utili alla ginnasta bresciana per poter tornare a gareggiare con maggior efficacia rispetto alle comunque molto positive prove di Coppa del Mondo dove ha ottenuto, tra Melbourne, Baku e Doha, ben tre podi consecutivi. “Sono molto rinfrancata dalle parole del dottor Giacomo Zanon – ha detto Vanessa appena sveglia - Mi ha spiegato come è intervenuto sulle mie caviglie e soprattutto mi ha confermato che certamente avrò dei giovamenti. Adesso arriverà un periodo difficile, quello dell’ennesima riabilitazione, che dovrò rispettare alla lettera nei tempi e nei modi come mi ha raccomandato il dottor Zanon. So che tutto il mondo della ginnastica italiana mi è vicino e questo mi fa immenso piacere. Io posso solo promettere che ce la metterò tutta per tornare a buoni livelli e tentare di strappare il biglietto per la mia quarta olimpiade. Oltre ai miei sostenitori, ringrazio la Federazione e l’Esercito perché so che posso sempre contare sul loro supporto”. Il dottor Giacomo Zanon, componente dello staff del reparto di ortopedia e traumatologia del Policlinico San Matteo di Pavia diretto dal professor Francesco Benazzo, ha spiegato nei dettagli al caporal maggiore del Gruppo Sportivo della Cecchignola che ha agito sulla caviglia sinistra limando un pezzettino d'osso, mentre a destra ha operato per risolvere il problema relativo alla sinovite, limando contemporaneamente un frammento della tibia perché sulla massima flessione, la tibia stessa andava a sfiorare contro l'astragalo, lievemente scavato. A Vanessa, oltre ai tantissimi attestati di vicinanza pervenuti attraverso il mondo dei social, sono già giunti gli auguri di pronta guarigione da parte del Presidente Federale, il Cav. Gherardo Tecchi, che l’ha voluta sentire personalmente al telefono nel primo pomeriggio. I tempi di recupero per la stella di Orzinuovi saranno definiti a breve. Dodici settimane dovrebbero essere sufficienti a Super Vany per riprendere confidenza con la palestra ed altrettante per raggiungere un adeguato stato di forma. Il prossimo impegno agonistico sarà in autunno, a Cottbus, dove è in programma la quinta prova delle World Cup Series qualificanti per Tokyo 2020.