Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Nella seconda giornata del Trofeo Città di Jesolo sono andate in scena le finali di specialità. Tra le Senior la campionessa All Around della XII edizione della rassegna lagunare si è aggiudicata anche l’oro alle parallele asimmetriche, staccando, con il punteggio di 14.450, la cinese Tang Xijing, seconda a quota 14.350. Bronzo per la Fata italiana Elisa Iorio, con il personale di 14.300. Sugli staggi jesolani ha fato molto bene anche Alice D’amato, quinta con 13.800 dietro l’altra cinese Liu Tingting (14.250). "Suni", come la chiamano le compagne della nazionale stelle e strisce si è aggiudicata anche il titolo al corpo libero con 14.200, precedendo di un decimo di punto la connazionale Emma Malabuyo, leader del concorso generale 2018 e reduce da un periodo di stop per infortunio. Terza un’altra stellina della Cina, Qi Qi con 13.550. Ai piedi del podio la Zhang Jin e le due azzurre, Desiree Carofiglio (13.100) e l’altra gemellina D’Amato, Asia, sesta con 12.850. La campionessa europea giovanile al volteggio della Brixia di Brescia fa suo anche il duello al volteggio, battendo con la media di 14.200, la Carofiglio, seconda con 13.250. Le due italiane erano state le uniche ad effettuare il secondo salto in qualifica e pertanto si sono spartite la posta in una inedita finale a due. Alla trave ha prevalso la Tingting con 14.800. Piazza d’onore per la Malabuyo (14.400), ennesimo prodotto della prestigiosa Texas Dreams, allenata da un mito come Kimberly Zmeskal Burdette.Terza piazza per l’astro nascente, Sunisa Lee (14.150), seguita a sua volta da Jess Graba e Alison Lim al Midwest Gymnastics Center. La rientrante Martina Maggio firma un’ottima esecuzione e si posiziona al quinto posto con 13.400, di 50 millesimi davanti ad Elisa Iorio, sesta a 13.350. Sulla trave juniores si impone la russa Viktoria Listunova con 13.850, lasciandosi alle spalle la statunitense Ciena Alipio (13.750) e la compagna di squadra Elena Gerasimova (13.700). In una final eight sulla rincorsa dei 25 metri finalmente al completo torna sul gradino più alto Konnor McClain, la reginetta all around di categoria, brava a respingere l’assalto della Listunova (14.100) e della Alipio (14.050). Quinta Camilla Campagnaro con 13.875, mentre Veronica Mandriota, con il suo 13.125 chiude la classifica. La Listunova torna a brillare al corpo libero. La tredicenne russa domina con il suo 14.300. Niente da fare per la Urazova, di un anno più grande, ma costretta ancora una volta, come accaduto ieri nel concorso generale, ad accontentarsi dell’argento con 13.900. Terza la McClain con 13.350. Prima delle inseguitrici Alessia Federici della Pro Patria Milano, che con il suo 13.150 manda l’ultimo saluto al tecnico meneghino, Sergio Brambati, scomparso proprio alla vigilia del torneo. Sugli staggi asimmetrici baby la scuola russa torna prepotentemente in auge grazie alla Urazova, finalmente d’oro con 14.300, e alla Gerasimova, che con 14.100 conferma quanto di buono mostrato da tutta la sua Nazionale in questa due giorni carnascialesca all’insegna della grande ginnastica. Ancora bronzo per la McClain che rimpingua così ulteriormente un palmares già arricchito dal Grifone nel Completo. La nazionale diretta da Enrico Casella colleziona il sesto posto della Federici (12.950), l’ottavo della Campagnaro (12.650) e tanta esperienza in più. Le premiazioni sono state effettuate dal Presidente FGI Gherardo Tecchi, dal suo Vicario nonché capodelegazione Valter Peroni, dal Presidente onorario della Federazione Internazionale Bruno Grandi, dal numero uno del Comitato Regionale Veneto Dario Martello, dal primo cittadino di Jesolo Valerio Zoggia, dall’Assessore al Turismo e Politiche giovanili Flavia Pastò,dall’Assessore allo Sport Esterina Idra, dal Presidente della Gymnasium di Treviso, società organizzatrice, Francesca Allegri, e dal deus ex machina del trofeo Giorgio Citton. Prima dell’inizio delle gare e ad ogni cambio attrezzo si sono esibite Alexandra Agiurgiuculese, la medaglia di bronzo iridata alla palla, accompagnata da Spela Dragas, e la Squadretta Nazionale juniores di Ginnastica Ritmica, guidata da Julieta Cantaluppi. Cerimonia di chiusura con la splendida coreografia dal titolo “Illumina il tuo sogno”, montata dal direttore tecnico della Gymnasium Moira Ferrari e dalla coreografa Federica De Pol, con la partecipazione del gruppo agonistico, pre-agonistico e promozionale societario. L’evento sarà disponibile on demand per tutti gli abbonati su www.volare.tv.

Foto Simone Ferraro / FGI

CLASSIFICHE FINALI DI SPECIALITA' J/S