Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L'ultima giornata del Campionato Mondiale di Trampolino Elastico, con le ultime finali ad assegnare i titoli, è stata anche la più emozionante. La battaglia per diventare campioni del Mondo, specialmente nella specialità del trampolino, è stata di un livello altissimo, a dir poco olimpico. In palio, alla Milli Gimnastika Arena di Baku, in Azerbaijan, cinque titoli per chiudere con il botto la 35ª rassegna iridata. La ginnasta inglese Bryony Page e il cinese Yan Langyu si sono laureati campioni nel trampolino, mentre la svedese Lina Sjoeberg e il russo Aleksandr Lisitsyn hanno difeso con successo il titolo nel double mini-trampoline femminile e nel tumbling maschile. La Federazione della Russia, inoltre, ha vinto anche il titolo nell'All Around a squadre, che ha chiuso la competizione.

Dopo due mesi dal bronzo olimpico a Tokyo, Page diventa la prima ginnasta britannica a conquistare un titolo mondiale. Piazza d'onore per la diciassettenne cinese Cao Yunzhu, mentre la campionessa europea, la russa Iana Lebedeva, si è dovuta accontare del terzo gradino del podio. Hanno preso parte alla final eight anche Lea Labrousse (FRA), Huang Yanfei (CHN), Mori Hikaru (JPN), Melania Rodriguez (ESP) e Sarah Milette (CAN), in ordine di classifica. Yan Langyu, invece, ha confermato il dominio della Cina, che va avanti dal 2006, nell'individuale maschile. Medaglia d'argento per il giapponese Ryusei Nishioka e primo metallo personale, dopo tre titoli mondiali synchro, per il bielorusso Aleh Rabtsau. Il resto della classifica vede Allan Morante (FRA), Diogo Abreu (POR), Dylan Schmidt (NZL) e Dmitrii Ushakov (RGF). Grande escluso il campione olimpico Ivan Litvinovich: il bielorusso, infatti, era stato eliminato in semifinale, a causa di un decisivo errore che ne aveva compromesso - a grande sorpresa - la qualificazione.

La finale di tumbling maschile è stata dominata dal russo Aleksandr Lisitsyn. Il ginnasta di casa, l'azero Mikhail Malkin ha conquistato l'argento nella sua prima finale mondiale, mentre l'americano Kaden Brown ha strappato il bronzo. Infine, nell'ultima finale individuale, quella del double mini-trampoline femminile, è stata la svedese Lina Sjoerberg ad avere la meglio sulla diciassettenne Shelby Nobuhara degli USA e sulla spagnola Melania Rodriguez.

A conclusione del Mondiale, inoltre, si è svolto anche l'All Around a squadre, nel quale ciascun atleta ha concorso nella sua specialità per il proprio paese. Il titolo se lo è aggiudicato l'RGF - grazie alle ottime prestazioni di Lisitsyn, della tumbler Irina Silicheva e degli specialisti del DMT Aleksandra Bonartseva e Mikhail Zalomin – battendo le formazioni di USA e Gran Bretagna. La Russia chiude, quindi, la rassegna iridata con 5 dei 15 titoli in palio. Sui podi delle diverse specialità sono saliti i ginnasti di 15 nazioni, in rappresentanza di quattro continenti.

Dalla nostra inviata Giorgia Baldinacci

Foto Filippo Tomasi/Simone Ferraro/FGI

RISULTATI FINALI

TRAMPOLINO MASCHILE

TRAMPOLINO FEMMINILE

TUMBLING MASCHILE

DTM FEMMINILEFEMMINILE

ALL AROUND A SQUADRE