Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Quanta sfortuna per la delegazione italiana, nella seconda giornata della World Age Competition di Trampolino Elastico, la rassegna iridata dedicata alla categoria junior, in scena a Tokyo in Giappone. Infatti, dopo il 5° posto di ieri per Giorgia Giampieri nell’individuale femminile (categoria 13-14 anni), quest’oggi è stato il turno di Chiara Cecchi e Samuele Patisso Colonna, sempre nell’individuale ma nella categoria 15-16 anni. Ebbene, la promettente ginnasta dell’Etruria Prato purtroppo si è infortunata durante il warm up e non ha potuto prendere parte alla competizione. Il forfait di Chiara costringe l’Italia a rinunciare anche al syncro femminile, che domani l’avrebbe vista protagonista in coppia con la Giampieri: "Si è fatta male proprio prima di entrare in campo gara - ha spiegato il Direttore Tecnico Nazionale Giuseppe Cocciaro - ed è un peccato perché avrebbe potuto davvero fare bene e centrare la finale. E' una ginnasta molto forte e promettente, non è grave lo stop ma una semplice distorsione". L’atleta della Milano 2000, invece, ha preso parte alle qualificazioni e per un soffio non è riuscito a strappare il pass per la finale di specialità. Il classe 2003 ha ottenuto il punteggio di 97.925 dopo le due routine, chiudendo al 13° posto a meno di un punto e mezzo dall’ultimo qualificato, il bielorusso Daniil Pshanko: "Samuele ha svolto una bellissima gara - ha proseguito Cocciaro - pur non centrando di pochissimo la finale. Comunque una buona posizione, subito dietro le super potenze di Cina, Russia, Bielorussia e Giappone. Prima neanche esistevamo come nazionale giovanile mentre adesso siamo appena dietro se non alla pari dei migliori, come si è visto ieri con Giorgia". Nella giornata di domani, dunque, in gara la sola Isabella Murgo (Milano 2000), che concorrerà nella specialità individuale femminile, nella categoria 17-21 anni. La 27esima edizione della World Age Competition si chiuderà domenica con Marco Tonelli (Alma Juventus Fano), impegnato nell’individuale maschile (11-12 anni).